April 25, 2014 / 10:55 AM / 5 years ago

Btp in lieve calo, spread amplia su tensioni geopolitiche

MILANO (Reuters) - Secondario italiano in leggero calo in una seduta per lo più interlocutoria, data anche la festività del 25 aprile e la pausa fra sedute d’asta della tornata di fine mese. Si rileva un ampliamento dello spread, nonostante il miglioramento dell’outlook sul rating da parte di Fitch comunicato stamattima.

Un trader al lavoro. REUTERS/Stefano Rellandini

“Una cosa simile da parte di Fitch era ampiamente attesa dal mercato, non ha avuto un impatto sognificativo. Diciamo che il rialzo del mercato da qualche tempo a questa parte è stato dettato dal miglioramento di attese sul rating” dice Alessandro Giansanti, strategist di Ing.

Fitch ha migliorato l’outlook sul rating sovrano dell’Italia a ‘stabile’ da ‘negativo’, confermando la valutazione BBB+. Alla base della decisione, l’agenzia cita una serie di fattori, ovvero la fine del prolungato periodo di recessione, la riduzione dei rischi derivanti dal settore finanziario e le aspettative di un rafforzamento del surplus di parte corrente del Paese.

“L’ampliamento dello spread è dovuto prevalentemente alla forza del Bund, in recupero dopo il calo registrato sull’Ifo. A sostenere il mercato ‘core’ sono le tensioni gopolitiche e probabilmente anche le parole di Draghi” dice ancora Giansanti.

Il mercato obbligazionario appare dominato già da ieri da un riemergere della cautela, legata all’acutizzarzi della crisi in Ucraina, che stamane tiene sostenute anche le quotazioni dei Treasuries Usa. Si registra infatti un’escalation della tensione tra Ucraina e Russia, che ha avviato esercitazioni militari al confine, aumentando i timori di un’invasione da parte di Mosca.

Le parole pronunciate ieri dal presidente della Bce Mario Draghi hanno secondo Giansanti allontanato nel tempo le prospettive di un ‘quantitative easing’ che avrebbe in primo luogo favorito i mercati periferici. Draghi ha comunque ribadito l’impegno di Francoforte all’utilizzo di misure non convenzionali di politica monetaria.

LUNEDÌ RIPRENDE TORNATA D’ASTE

Ieri il Tesoro ha collocato un ammontare complessivo di 5 miliardi, l’importo massimo previsto, in Ctz e Btpei (Full Story). Il nuovo Ctz aprile 2016 ha registrato un lieve rialzo in termini di rendimento rispetto alla precedente asta che aveva visto un tasso al minimo storico. Il rendimento è risultato oggi pari a 0,786% dal precedente 0,707% sempre al di sotto dell’1% infranto con l’asta di febbraio.

L’attività dell’Italia sul primario riprenderà la prossima settimana, con l’offerta lunedì di 7 miliardi di Bot 6 mesi contro gli 8,094 miliardi in scadenza il 30 aprile; martedì verranno invece offerti fra 7 e 9 miliardi di Ccteu e di Btp a 5 e 10 anni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below