April 22, 2014 / 7:14 AM / 5 years ago

Borsa Milano in rialzo con Telecom Italia, industriali, debole Eni

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in rialzo la prima seduta dopo la pausa pasquale, sostenuta nel pomeriggio dall’andamento positivo di Wall Street e dal recupero dei bancari, deboli in mattinata.

L'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

Al miglioramento del sentiment di mercato ha contribuito la pubblicazione dell’indice dei consumatori della zona euro, in rialzo sopra il consensus degli analisti, ma gli operatori sottolineano l’assenza di alcuni intermediaro in una seduta semi-festiva e un clima di attesa di nuovi spunti sul fronte macro e dei risultati aziendali e di sviluppi sulla situazione in Ucraina.

“E’ stata una giornata tranquilla anche se non mi aspettavo questo denaro dopo la volatilità della settimana scorsa”, commenta un trader.

“E’ un mercato strano, che sembra ignorare le persistenti tensioni in Ucraina e si concentra sui flussi, come quello che stamani ha riguardato in vendita alcune banche”, aggiunge.

Si guarda anche al raggiungimento di alcune importanti resistenze sull’azionario Usa in una settimana ricca di trimestrali.

L’indice FTSE Mib termina con un guadagno dell’1,49% e l’AllShare dell’1,45%, in linea con l’indice FTSEurofirst 300 trascinato dal rialzo di Francoforte (il Dax è salito del 2,02%)

A Milano volumi per un controvalore di circa 2,9 miliardi di euro.

In cima al FTSE Mib, TELECOM ITALIA guadagna il 4,03% con volumi in linea e senza particolari giustificazioni, secondo i trader.

Secondo Equita Sim, la distribuzione delle deleghe tra AD e presidente effettuata nalla prima riunione del Cda, venerdì scorso, “è piuttosto equilibrata se confrontata con le recenti esperienze del gruppo. E’ una buona evoluzione in considerazione del fatto che Telecom Italia potrebbe essere presto una pubblic company”.

Bene anche le risp (+4,3%) nel giorno dello stacco della cedola.

Dopo il brusco calo dell’avvio dovuto alla stacco del dividendo, chiudono in buon rialzo gli industriali CNH INDUSTRIAL (+3,79%) e PRYSMIAN (+2,98%) Quest’ultima ha inoltre annunciato oggi di avere ricevuto un nuovo contratto da 30 miliardi ad Abu Dhabi.

FIAT (+3,54%) vivace dopo la sigla della joint venture con GAC in Cina per la produzione di jeep per il mercato cinese.

Sui finanziari INTESA SANPAOLO e UNICREDIT salgono rispettivamente del 2% e del 2,6% dopo il memorandum of understanding con Kkr e Alvarez & Marsal sui crediti problematici.

In deciso calo per la gran parte della seduta BANCO POPOLARE recupera terrano e chiude a +0,97% dopo la sottoscrizione quasi integrale dell’aumento di capitale.

Rally anche per MPS dopo che il Cda ha approvato l’incremento dell’aumento di capitale da 3 a 5 miliardi.. Una decisione che gli analisti definiscono strategicamente corretta e che conferma la validità dell’investment case basato sul rilancio della banca e per l’appeal speculativo sul titolo.

In rialzo assicurativi (GENERALI e UNIPOLSAI) e risparmio gestito (MEDIOLANUM e AZIMUT).

Spunti per YOOX (+3,28%) che, secondo i dealer beneficia di un rimbalzo tecnico, mentre al contrario, TOD’S cede lo 0,1%.

Energetici deboli. ENI perde lo 0,27% e secondo i trader risente del taglio del rating da parte di Ubs.

Tra le small e mid cap, ISAGRO (+26,4%) corre nel giorno in cui parte l’aumento di capitale fino a 29 milioni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below