13 agosto 2008 / 06:32 / tra 9 anni

Wto, per Lamy accordo ancora possibile entro quest'anno

di Surojit Gupta

<p>Pascal Lamy. REUTERS/Denis Balibouse (SWITZERLAND)</p>

NUOVA DELHI (Reuters) - Il numero uno dell‘Organizzazione Mondiale del Commercio (Wto) Pascal Lamy ha detto oggi che un nuovo accordo globale sugli scambi è ancora possibile, nonostante il fallimento dei negoziati a fine luglio.

I colloqui su un nuovo accordo internazionale del commercio sono falliti dopo che Usa e India non sono riusciti a trovare un compromesso su un “meccanismo speciale di salvaguardia” che avrebbe consentito ai paesi in via di sviluppo di proteggere gli agricoltori poveri aumentando le tariffe per contrastare l‘aumento delle importazioni sovvenzionate.

Il ministro indiano del Commercio e dell‘Industria Kamal Nath ha già detto che il fallimento dovrebbe essere considerato come una pausa piuttosto che come la fine dei negoziati, e ieri il mediatore per il comparto agricolo del Wto ha chiesto di riprendere al più presto le trattative.

“La buona notizia è che c’è ancora una possibilità di andare avanti, e di concludere i negoziati entro la cornice temporale su cui tutti i membri del Wto si erano accordati già l‘anno scorso, cioè entro la fine del 2008”, ha detto Lamy, in vista nella capitale indiana.

I ministri di una trentina di paesi Wto si sono riuniti a Ginevra a fine luglio per cercare di giungere a una svolta nei negoziati sull‘agricoltura e sui beni industriali, i due settori-chiave del cosiddetto “Doha round”, avviato nel 2001, per aprire il commercio internazionale.

Ma per gli Stati Uniti la richiesta da parte dell‘India di un sistema di salvaguardia per proteggere i propri agricoltori poveri consentirebbe ai paesi in via di sviluppo di alzare i dazi oltre il livello attuale in risposta alla normale crescita del traffico commerciale, piuttosto che a un improvviso rialzo delle importazioni.

Il meeting di Ginevra ha anche mostrato le divergenze tra gli stessi paesi in via di sviluppo, con esportatori come l‘Uruguay e il Costa Rica preoccupati di perdere spazi di mercato nel vitale commercio Sud-Sud.

Brasile e Australia -- entrambi grandi esportatori di generi alimentari -- hanno chiesto ai membri del Wto di non abbandonare i negoziati.

Lamy è in visita a Delhi questa settimana e a Washington la prossima per capire se c’è spazio per riprendere i colloqui.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below