31 agosto 2008 / 12:05 / tra 9 anni

Alitalia, Scajola a stampa: non ci sono aiuti di stato

<p>Un velivolo di Alitalia. REUTERS/Jason Reed</p>

MILANO (Reuters) - Nel piano di salvataggio di Alitalia non ci sono aiuti di Stato. Lo ha affermato il ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola in un‘intervista al Messaggero rilasciata ieri, nel giorno in cui il commissario europeo Joaquin Almunia ha ribadito che il piano “deve essere compatibile con le norme europee”.

“Credo che sarà possibile ottenere il via libera di Bruxelles, perché il salvataggio avverrà senza aiuti di Stato, né alla vecchia né alla nuova Alitalia”, ha detto Scajola al quotidiano.

Almunia, commissario europeo agli Affari economici e monetari, ha auspicato ieri una “soluzione buona” per la compagnia, “ma che sia compatibile con le regole europee”.

Il ministro ha anche inviato un “invito al realismo e alla responsabilità” dei sindacati, che domani incontreranno il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi.

“Non credo che il disastro Alitalia dipenda in primo luogo dai sindacati. Ma oggi tocca a loro favorire la soluzione migliore per il Paese e per i lavoratori. E’ chiaro che in caso di fallimento gli esuberi non sarebbero 5.000, ma tutti i 18-20.000 occupati di Alitalia e dell‘indotto”, ha aggiunto Scajola.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below