April 10, 2019 / 12:32 PM / 7 months ago

RPT-Problemi Italia hanno riacceso faro su rischi sovrani per banche-Fmi

(Elimina refuso in titolo)

MILANO, 10 aprile (Reuters) - I problemi di bilancio dell’Italia hanno riacceso un faro sui rischi legati al nesso tra settore pubblico e finanziario e al potenziale circolo vizioso che durante la crisi della zona euro del 2011-2012 ha messo a rischio la tenuta di entrambi.

Lo scrive il Fondo Monetario Internazionale nel Global Financial Stability Report, in cui si esortano anche le banche della zona euro a proseguire negli sforzi di riduzione dei crediti deteriorati anche alla luce dei rischi legati all’elevata esposizione al rischio sovrano in alcuni Paesi.

“I portafogli di titoli governativi nazionali rappresentano un’ampia fetta del totale degli attivi del settore bancario in numerosi Paesi, in particolare Belgio, Italia, Portogallo e Spagna” scrive il Fondo.

“La crescente esposizione ai titoli di Stato, sommata ai downgrade del debito sovrano, ha reso le banche di alcuni Paesi più vulnerabili a shock sovrani,” prosegue, simulando uno scenario di stress sul debito sovrano e segnalando che le banche italiane, spagnole e portoghesi sarebbero esposte a perdite significative nell’ipotesi più sfavorevole.

Sulla base di ulteriori simulazioni, il Fondo segnala inoltre che “lo stock di crediti non-performing resta un fardello significativo che potrebbe potenzialmente causare perdite ulteriori, in alcuni casi anche superiori ai relativi accantonamenti.”

A parziale mitigazione dello scenario di crisi, l’Fmi sottolinea come l’esercizio non tenga conto di potenziali coperture messe in piedi dagli istituti e del crescente peso nei portafogli di titoli di Stato contabilizzati al costo storico invece che al valore di mercato.

Peraltro, la pulizia sui bilanci, che pure deve proseguire, terrà sotto pressione la redditività e questo è tanto più vero nei Paesi a elevato stock e specie se il tasso di deterioramento dei nuovi prestiti dovesse tornare ad aumentare.

Il Fondo avverte che anche le assicurazioni sono esposte ai rischi derivanti dal potenziale crollo delle quotazioni dei titoli di Stato.

“Le assicurazioni dell’area euro detengono oltre il 15% dei titoli di Stato del blocco - una percentuale solo lievemente inferiore a quella detenuta dalle banche - e inoltre quasi il 25% dei bond bancari dell’area euro”.

Inoltre, l’esposizione media delle assicurazioni europee a debito corporate e sovrano con rating ‘BBB-‘ è quadruplicata tra il 2008 e il 2017, raggiungendo il 20%.

Valentina Za Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia" Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below