21 marzo 2011 / 18:14 / 7 anni fa

Premafin, accordo con UniCredit, domani al vaglio dei Cda -fonti

MILANO, 21 marzo (Reuters) - Lo schema di intervento di UniCredit (CRDI.MI) a sostegno della famiglia Ligresti è ormai pronto e domani passerà al vaglio del consiglio di Piazza Cordusio e molto probabilmente anche di quelli delle società dell‘imprenditore siciliano.

Lo riferiscono alcune fonti vicine alla situazione che sottolineano come ci sia un accordo tra l‘istituto, la famiglia e il management e che ora si attende l‘ok dei consigli.

“L‘accordo tra la banca, la famiglia e il management c’è. Domani il cda di UniCredit è chiamato a prenderne visione e dare il suo ok”, spiega una delle fonti.

Il consiglio, preceduto da una riunione del comitato parti correlate, dovrà esprimersi all‘unanimità secondo quanto prescrive il testo unico bancario in quanto Salvatore Ligresti è tra gli amministratori di Piazza Cordusio.

Una seconda fonte riferisce che lo schema di intervento potrebbe essere già domani anche sul tavolo dei consigli di Fondiaria-Sai FOSA.MI, Milano Assicurazioni ADMI.MI e Premafin PRAI.MI.

“Un accordo, se approvato da UniCredit, dovrà passare anche dai consigli delle società di Ligresti e questo potrebbe accadere già domani”, spiega.

Il Cda di Milano Assicurazioni è già convocato per domani sui conti 2010. Un consiglio Fonsai - sempre sui conti 2010 - è invece in agenda per mercoledì 23, quello di Premafin giovedì 24.

Le fonti non svelano alcun dettaglio sui contenuti dell‘accordo.

Una delle ipotesi più accreditate - rilanciata oggi da un quotidiano - prevede l‘ingresso di UniCredit in Fondiaria-Sai con circa il 7% attraverso l‘aumento di capitale già deliberato con l‘acquisto di diritti di opzione da Premafin e la sottoscrizione di nuove azioni.

UniCredit è il principale creditore della famiglia Ligresti essendo esposto per circa 350 milioni sulle holding a monte della catena di controllo. L‘intervento prevede anche una presenza nel Cda di Fonsai - secondo le indiscrezioni stampa - e quindi la possibilità di monitorare la situazione salvaguardando le proprie posizioni.

Non viene escluso inoltre un aumento di capitale anche per Milano Assicurazioni, mentre resterebbe in stand by quello già deliberato da Premafin.

Sul fronte della ricapitalizzazione di Fonsai resterebbe intatto l‘impegno di Credit Suisse CSGN.VX che ha già costituito un consorzio di garanzia per l‘inoptato, spiega una terza fonte.

Il mercato sembra credere con convinzione a questa soluzione. Le due compagnie assicurative della galassia Ligresti hanno infatti accusato ribassi consistenti: per Fonsai viene meno l‘appeal speculativo di una scalata francese dopo lo stop a Groupama da parte di Consob e l‘impossibilità dichiarata di giungere a un nuovo accordo, mentre Milano subisce il contraccolpo della prospettiva di una ricapitalizzazione.

Per contro la holding Premafin ha chiuso con segno positivo (+0,83%) dopo aver segnato +5% in seduta.

Gianluca Semeraro

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below