16 giugno 2010 / 10:31 / tra 8 anni

Monetario, o/n torna su livello depositi Bce in primo giorno rob

MILANO, 16 giugno (Reuters) - Si inaugura nel segno della distensione il nuovo periodo della riserva obbligatoria, segnando il ritorno del periodo overnight poco oltre il livello di riferimento di 0,25% fissato per i prestiti presso la Bce.

Lenta ma inarrestabile prosegue intanto la risalita dei tassi Euribor: in occasione del fix londinese la scadenza trimestrale, sorta di barometro del grado di fiducia sul mercato interbancario, sale di 3 millesimi da ieri per portarsi a 0,727%.

Sono 31,6 centesimi, poco meno dei 32 di ieri, a separare “la base dal derivato”, ovvero i tassi di mercato dai contratti futures che misurano le reali aspettative di politica monetaria.

“Il solito problema di mancanza di fiducia: considerati i 363,5 miliardi che rientrano oggi [dopo il fine tuning di drenaggio a un giorno sull‘ultima seduta rob] il mercato è letteralmente inondato di fondi... mancano però i venditori” commenta un operatore.

Ulteriore esempio di quanto limitato sia il grado di stress reale il risultato del rifinanziamanto in dollari: nessuna banca dei sedici paesi euro ha chiesto liquidità in valuta Usa a sette giorni al tasso fisso di 1,17% con uno ‘spot rate’ di 1,2342 per l‘euro/dollaro.

A solleticare il nervosismo dei mercati sono questa mattina nuove indiscrezioni - peraltro immediatamente smentite - circa le difficoltà di conti pubblici e raccolta in Spagna.

Secondo il quotidiano ‘El Economista’, prontamente smentito da un portavoce della Commissione europea, Fondo monetario internazionale insieme a Ue e dipartimento al Tesoro Usa starebbero mettendo a punto un pacchetto a sostegno di Madrid che comprende una linea di cerdito da 250 miliardi.

“Siamo in una fase di mercato in cui è molto facile speculare, basta guardare alla reazione dei titoli di Stato in termini di ‘spread’ e ‘cds’” aggiunge il tesoriere.

Uno sguardo ai numeri mostra poco dopo mezzogiorno il tasso overnight in area 0,27/30% sul Mid e 0,25/30% sugli schermi dai broker per le contrattazioni ‘over the counter’, dopo lo strappo della media Eonia fissata ieri a 0,665%.

Sulla strip Euribor la scadenza settembre FEIU0 cede un tick a 99,12, dicembre FEIZ0 è fermo a 99,04 e marzo FEIH1 risale di 5 millesimi 98,995.

Altri dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below