1 febbraio 2010 / 15:40 / tra 8 anni

Fondi, Polaris guarda investimenti etici per attrarre non-profit

MILANO, 1 febbraio (Reuters) - La società di gestione del risparmio Polaris Investment ha in rampa di lancio nuovi prodotti e punta ad attrarre clienti particolarmente attenti alla responsabilità sociale degli investimenti.

La caratteristica principale del gruppo, infatti, è il focus sulla cliente istituzionale attenta ad investimenti eticamente responsabili. Polaris - ha spiegato l‘amministratore delegato, Francesco Lorenzetti, nel corso di una conferenza stampa - “gestisce patrimoni di clienti istituzionali, prevalentemente non-profit”.

Polaris ha chiuso il 2009 con un incremento dell‘8,2% delle masse gestite, arrivate a circa 6,6 miliardi di euro. Oltre il 60% dei 28 fondi ha superato il benchmark di riferimento.

Il gruppo è composto da Polaris Investment SA e Polaris Investment Italia Sgr. L‘azionariato vede Fondazione Cariplo al 48%, Cassa dei Geometri al 23%, Opere Don Bosco al 15%, Fondazione Cassa di Forlì al 9% e Istituto Don Orione al 5%.

INVESTIMENTI SOCIALMENTE RESPONSABILI

La caratteristica principale del gruppo è che i comparti sono sottoposti a controlli di responsabilità sociali sugli investimenti, secondo due modalità, come ha raccontato Vincenzo Volpe, direttore divisione investimenti. “La prima è mirata all‘identificazione di violazioni di principi quali produzione di armi di distruzione di massa, violazione delle convenzioni sui diritti umani, violazione di convenzioni ambientali”. Viene stilata una lista nera di “titoli non socialmente responsabili”, nei quali i gestori s‘impegnano a non investire.

La seconda modalità, ha proseguito Volpe, “è applicata ad alcuni comparti (Polaris Ethical Global Balanced e Polaris Social Responsible Fund) e prevede investimenti in base ad indici di responsabile sociale”.

Lorenzetti ha detto che, al momento, Polaris non ha ancora deciso se pubblicare o meno la lista nera (stilata da Etica Sgr) che comprende i titoli esclusi dagli investimenti socialmente responsabili, seguendo l‘esempio dei fondi pensione nordici. L‘Ad ha ricordato che la Fondazione Cariplo ha scelto di investire esclusivamente secondo criteri etici.

I vertici di Polaris hanno spiegato che il 2010 sarà dedicato al consolidamento del business dopo il periodo di start-up, con il lancio di nuovi prodotti.

Volpe non ha nascosto che l‘anno in corso è pieno di incognite sulle prospettive dei mercati, prevedendo “grande volatilità per i portafogli azionari. Abbiamo ben presente il profilo di rischio dei nostri clienti”, ha aggiunto, “dobbiamo evitare scommesse azzardate”.

FONDO DA 85 MILIONI PER SOCIAL HOUSING

L‘altra gamba dell‘attività di Polaris è la gestione di fondi immobiliari, con il varo di Abitare Sociale 1, dedicato al social housing.

“Abbiamo raccolto 85 milioni di euro”, ha spiegato Fabio Carlozzo, direttore della divisione real estate. “Il fondo ha un obiettivo di redditività del 2% e un tetto al rendimento reale del 4%, al di sopra del quale gli utili vengono redistribuiti per progetti socialmente utili”.

Nel complesso, il fondo immobiliare porterà alla costruzione di circa 700 appartamenti, per 90.000 metri quadri. A Crema sono già cominciati i lavori, “con consegna prevista nei primi mesi del 2011”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below