11 gennaio 2010 / 14:29 / tra 8 anni

PUNTO 1- Ripresa prosegue, serve consolidamento fiscale -Trichet

(aggiunge dichiarazioni banchiere, dettagli e contesto)

BASILEA, 11 gennaio (Reuters) - L‘economia globale prosegue il suo percorso di ripresa dalla recessione più grave degli ultimi settant‘anni con i paesi emergenti, più “dinamici”, a guidare il processo. Lo affermano i principali banchieri centrali del mondo, riuniti a Basilea presso la Banca dei regolamenti internazionali.

Secondo il presidente della Banca centrale europea Jean-Claude Trichet, che ha presieduto i colloqui presso la Banca per i regolamenti internazionali, il consolidamento di bilancio sarà essenziale per una ripresa sostenibile e per la fiducia nell‘economia.

“C’è la conferma di una progressiva normalizzazione dell‘economia e del fatto che a livello globale siamo in una fase di ripresa” ha detto Trichet alla stampa.

Le tre principali aree economiche mondiali - Unione europea, Stati Unit e Giappone - sono emerse dalla recessione nel corso del terzo trimestre dell‘anno scorso. Molti banchieri centrali e analisti hanno tuttavia espresso dubbi sulla sostenibilità della ripresa, prevedendone un percorso accidentato.

A parere di Ewald Nowotny, banchiere centrale austriaco, la crescita europea sarà quest‘anno modesta e restano valide le ultime proiezioni trimestrali dello staff Bce.

“Il 2010 segnerà un tasso di crescita positivo ma si tratterà di una ripresa ancora stentata. Questo significa che occorre rimanere cauti per quanto riguarda gli sviluppi economici” ha detto ai giornalisti a margine della riunione odierna Bri.

Il governatore di Banca d‘Italia, nelle vesti di numero uno del Financial Stability Board (Fsb), ha invitato ieri i banchieri a essere consapevoli della fragilità della ripresa nell‘assunzione di nuovi rischi.

Secondo l‘inquilino di Via Nazionale i mercati finanziari versano comunque oggi in condizioni molto migliori di quanto si poteva ipotizzare un anno fa ma la maggior parte del miglioramento va messa in relazione alle misure straordinarie adottate sul fronte monetario e fiscale.

In occasione dell‘appunatmento Bri, cui hanno preso parte anche rappresentanti di Federal Reserve, Banca del Giappone e Banca d‘Inghilterra, Trichet chiede ai governi responsabilità sul piano dei conti pubblici.

“Abbiamo dedicato molto tempo al tema degli squilibri fiscali, alla necessità di essere credibili nel tornare alla gestione normale e sostenibile della posizione di bilancio nel medio termine” ha spiegato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below