July 1, 2020 / 10:23 AM / a month ago

Bce allenta criteri per M&A in settore bancario per stimolare consolidamento

FRANCOFORTE, 1 luglio (Reuters) - La Banca centrale europea ridurrà i parametri per le fusioni nel settore bancario nella zona euro, nella speranza di incoraggiare un’ondata di consolidamento in un settore minato da bassi profitti e questioni irrisolte ereditate dall’ultima crisi finanziaria.

In una guida pubblicata oggi, la Bce ha chiarito che non sarà necessariamente richiesto capitale addizionale alle entità risultanti da fusioni, a cui sarà anche concesso l’uso dei propri modelli contabili così come degli avviamenti negativi o “badwill”, utili sulla carta che si ottengono quando un asset viene acquistato per un valore inferiore al suo valore contabile.

Questi sono solo alcuni dei dubbi segnalati dai banchieri negli ultimi anni, in occasione della valutazione di possibili fusioni e acquisizioni (M&A) nella zona euro.

Tuttavia, la Bce ha sottolineato che il suo ruolo non è quello di organizzare gli accordi e che questi devono essere guidati dal mercato.

“Il nostro compito prudenziale non è valutare se gli sforzi di consolidamento sono vantaggiosi”, afferma il supervisore Bce Edouard Fernandez-Bollo in un post sul blog presentando la guida.

“Tuttavia, il consolidamento studiato ed eseguito diligentemente può aiutare a rispondere ai problemi di sovraccapacità e bassa redditività che minano il settore bancario europeo dall’ultima crisi finanziaria”, ha aggiunto.

La guida sarà consultabile fino all’1 ottobre.

Reporting by Francesco Canepa; EDiting by Giles Elgood

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below