June 19, 2020 / 11:46 AM / 20 days ago

MONETARIO-Brevissimi stabili, liquidità verso ulteriore aumento dopo Tltro

ROMA, 19 giugno (Reuters) - Il tratto a brevissimo della curva dei tassi sul mercato interbancario si mantiene appena al di sopra della ‘deposit facility’ Bce con la liquidità, già poco sotto i 2.200 miliardi di euro, destinata ad aumentare la prossima settimana con il regolamento della nuova operazione Tltro.

** Nella media settimanale i fondi in eccesso a disposizione delle banche della zona euro, spiega l’operatore di una tesoreria, “si attesta sui 2.180 miliardi, sostanzialmente stabile dalla settimana precedente, ma è desinata ad aumentare dopo il 24 giugno”, data di regolamento della nuova operazione Tltro III.

** Questa settimana le banche della zona euro hanno preso in prestito la cifra record di 1.308 miliardi dalla Bce, in un’operazione di finanzamento dalle condizioni più favorevoli rispetto al passato. La richiesta resta ragguardevole anche al netto dei circa 750 miliardi di fondi spostati da precedenti operazioni su quella attuale.

** Le stime sull’adesione oscillavano fra 900 e 1.400 miliardi, ma la maggior parte degli analisti si aspettava una partecipazione poco superiore ai 1.000 miliardi.

** “E’ andata a ruba”, dice l’operatore a proposito dell’operazione. “Ora vediamo quanta parte di questa liquidità arriverà all’economia reale, come negli obiettivi di Francoforte. Difficile, comunque, che tutta questa liquidità muova i tassi a brevissimo, già praticamete schiacciati sulla ‘deposit facility’ Bce”.

** Intorno alle 13,45 su General Collateral Italia il tasso overnight viaggia a -0,47%, come pure il tom e lo spot/next.

** Hanno intanto subìto un rallentamento gli acquisti di titoli da parte della Bce, scesi nella settimana al 12 giugno a 36,1 miliardi da 38,9 della precedente.

** Secondo i dati diffusi lunedì, continuano comunque a salire gli acquisti nell’ambito del Pepp, il programma legato alla pandemia recentemente incrementato ed esteso: sono passati a 27,1 miliardi da 25,5 di una settimana prima.

** Oggi intanto la numero uno della Bce, Christine Lagarde, ha avvertito i leader dell’Ue che l’economia della zona euro rischia un “brusco calo” del 13% congiunturale nel secondo trimestre, e ha ribadito la stima di una contrazione del Pil dell’8,7% quest’anno.

Antonella Cinelli, in redazione a Milano Alessia Pé

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below