May 6, 2020 / 9:02 AM / 3 months ago

Italia, Commissione Ue taglia a -9,5% Pil 2020 per coronavirus

MILANO, 6 maggio (Reuters) - La Commissione europea ha tagliato drasticamente le proprie previsioni sul Pil italiano per il 2020 a causa dell’epidemia provocata dal coronavirus, alzandole invece per l’anno successivo quando stima che Roma potrà vedere una parziale ripresa dalla crisi.

Nelle stime di primavera, diffuse stamane, Bruxelles sottolinea la profonda recessione che ha colpito l’Italia a seguito della pandemia spiegando di aspettarsi un rimbalzo tecnico nella seconda metà del 2020, sostenuto anche dalle misure varate.

Nel dettaglio, Bruxelles ha portato a -9,5% la stima sul Pil per l’anno in corso, rispetto al +0,3% ipotizzato a febbraio. Al contrario, per il 2021 la previsione è stata alzata a +6,5% da +0,6% visto a febbraio.

La Commissione vede una sostanziale caduta dell’export italiano quest’anno e cita il settore turistico tra quelli maggiormente colpiti.

L’esecutivo Ue inoltre vede il debito/Pil nel 2020 a 158,9% e nel 2021 a 153,6% mentre il deficit/Pil a 11,1% quest’anno e a 5,6% il prossimo.

Le stime Ue evidenziano rischi al ribasso per la crescita. Le condizioni finanziarie del paese potranno essere impattate negativamente dall’elevato e crescente livello del debito pubblico e da un possibile aumento dello stock di crediti non performing nel settore bancario, dice la Commissione.

Sara Rossi, in redazione a Roma Stefano Bernabei

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below