February 17, 2020 / 5:42 PM / 5 months ago

Porta Vittoria, appello conferma condanna 7 anni per Coppola per bancarotta

MILANO, 17 febbraio (Reuters) - La Corte d’Appello di Milano, presieduta da Piero Gamacchio, ha condannato l’immobiliarista Danilo Coppola a 7 anni di carcere per il reato di bancarotta legato ai fallimenti di Porta Vittoria, Gruppo Immobiliare 2004 e Mib Prima. La procura generale aveva chiesto una condanna di 5 anni e 10 mesi.

Porta Vittoria era la società nata per rilanciare l’urbanizzazione di una zona di Milano semicentrale e le sue attività sono adesso amministrate da Prelios sgr, tramite il fondo Niche.

Per Coppola si tratta di una conferma piena della sentenza di primo grado, arrivata a fine febbraio 2018, nella quale si stabiliva anche una confisca di beni per il risarcimento da 153 milioni di euro dovuti a Porta Vittoria e una provvisionale di 50 milioni per Gruppo Immobiliare 2004, entrambe confermate.

Coppola era stato invece assolto dal reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte.

Al momento non è stato possibile contattare l’avvocato di Coppola per un commento.

via redazione Milano

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below