January 3, 2020 / 1:53 PM / 6 months ago

MERCATI MONDIALI-Greggio e asset rifugio in rialzo dopo raid Usa a Baghdad

LONDRA, 3 gennaio (Reuters) - Greggio, oro, yen e titoli di stato rifugio scambiano in rialzo oggi dopo l’attacco aereo statunitense in Iraq che ha ucciso un comandante a capo della milizia iraniana, inasprendo le tensioni tra le due potenze.

Gli investitori sono stati chiaramente spaventati dalla morte del generale iraniano Qassem Soleimani, capo dell’unità speciale Forza Quds. La Guida Suprema dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha promesso una severa vendetta e il presidente iracheno Barham Salih ha condannato l’attacco.

L’indice paneuropeo STOXX 600 cede l’1% e i futures di Wall Street scambiano in ribasso dell’1,2%. Lo yen giapponese guadagna un punto percentuale sul dollaro ai massimi di due mesi e il franco svizzero tocca i suoi massimi contro l’euro sin da settembre.

Il mercato del petrolio, fortemente legato al Medio Oriente, registra movimenti drastici, con i futures sul Brent in rialzo di quasi 3 dollari, o del 4,5%, a 69,20 dollari il barile, anche in questo caso ai massimi sin da settembre.

“La geopolitica è tornata a farsi sentire e ciò potrebbe avere importanti implicazioni per diversi asset”, ha detto il chief investment strategist di Lombard Odier, Salman Ahmed.

“Sarà cruciale vedere come evolverà la questione nei prossimi giorni”, ha detto Ahmed. “A seconda della reazione dell’Iran e della successiva risposta Usa, potrebbe diventare un tema”.

I titoli di stato tedeschi e statunitensi — titoli governativi di riferimento a livello mondiale considerati tra gli asset più sicuri — spiccano il volo a loro volta.

I rendimenti sui titoli di stato dei treasuries decennali, i quali si muovono in modo inversamente proporzionale ai prezzi, hanno perso 5 punti base ai minimi di tre settimane, mentre i rendimenti sui Bund tedeschi sono calati dai massimi di sette mesi toccati a inizio settimana.

L’oro, altro tradizionale asset sicuro per gli investitori avversi al rischio, avanza dell’1% a un massimo di quattro mesi pari a 1.543 dollari. Su base settimanale, ha guadagnato circa il 2%, preparandosi a chiudere la quarta settimana positiva consecutiva.

“Dopo i recenti inasprimenti delle tensioni geopolitiche, vediamo una resistenza vicina alla soglia dei 1.575 dollari per la prossima volta”, ha detto Jigar Trivedi, un analista di commodity per Anand Rathi Shares & Stock Brokers a Mumbai.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below