November 8, 2019 / 2:31 PM / a month ago

Banche Italia, movimenti mercato repo segnalano arbitraggi su tiering Bce

MILANO, 8 novembre (Reuters) - Il movimento al rialzo dei tassi interbancari sul mercato ‘repo’ che utilizza come collaterale i governativi italiani indica che alcuni degli istituti di credito nazionali hanno iniziato a trarre beneficio della recente introduzione del sistema di ‘tiering’ da parte della Bce.

Sul mercato dei pronti contro termine (repo) le banche si prestano contante a fronte di titoli in garanzia e l’indomani si riprendono i titoli restituendo il prestito. Di norma, il tasso di questo tipo di operazioni si discosta solo marginalmente dal tasso ufficiale Bce.

In vigore dal primo novembre dopo l’annuncio al termine del consiglio di metà settembre, il nuovo meccanismo del ‘tiering’ è stato disegnato da Francoforte su forte pressione da parte delle banche tedesche e del Nord Europa per ‘mitigare’ l’effetto dei tassi negativi che erodono il margine delle banche.

Lo schema ‘stratificato’ esenta infatti una parte dei fondi parcheggiati presso la Bce dal pagamento dello 0,5%, nuovo riferimento sui depositi overnight.

Lo sconto, che prevede un tasso zero e quindi il deposito gratuito della liquidità, si applica però soltanto agli istituti che parcheggiano presso la banca centrale un importo di oltre sei volte superiore la riserva obbligatoria calcolata dalla stessa Bce.

Nella maggioranza dei paesi della zona euro, i depositi sono già superiori a tale parametro che consente l’esenzione del pagamento, ma le banche italiane figurano ultime in classifica per liquidità in eccesso.

La situazione ha evidentemente un effetto sul mercato interbancario dei pronti contro termine: dal 30 ottobre a oggi — secondo dati del provider RepoFunds Rate — i tassi sulle operazioni che usano come collaterale i titoli di Stato italiani si sono mossi al rialzo fino a 6 punti base, portandosi martedì a -0,44%.

“Chi ha in portafoglio governativi italiani sta cominciando a raccoglierne i frutti sul mercato repo. Pensiamo si tratti soprattutto delle banche italiane, sia perché molto esposte ai titoli di Stato sia perché... sono le meno toccate dallo sconto introdotto dal ‘tiering’ Bce” commenta Antoine Bouvet, strategist Ing sui tassi.

Le operazioni di arbitraggio — in cui le banche raccolgono fondi a basso costo per poi parcheggiarli gratuitamente presso la Bce — permetteranno alle banche italiane di trarre maggiori risparmi grazie al meccanismo del tiering.

Secondo calcoli a cura di Jefferies, anche escludendo le operazioni di arbitraggio il meccanismo Bce già garantisce agli istituti un risparmio aggregato di 250 milioni di euro, derivante semplicemente dai fondi esentati dal pagamento di 0,5%.

Il risparmio aumenta naturalmente se si considerano le operazioni di arbitraggio. Secondo le stime degli analisti, i depositi delle banche italiane presso la Bce potrebbero crescere tra i 20 e i 40 miliardi prima che venga applicata la tariffa di 0,5%.

“Qualsiasi banca che se lo può permettere sarà incentivata alle operazioni di arbitraggio: non ci si può far sfuggire uno sconto tanto interessante”, osserva Christoph Rieger, responsabile della ricerca ‘rates and credit’ per Commerzbank.

Rieger prevede infatti che la tecnica dell’arbitraggio possa incrementare di circa 100 miliardi il volume delle transazioni sul mercato dei pronti contro termine.

Di converso, i rischi sono di un irrigidimento delle condizioni creditizie sul mercato interno o che le banche si liberino dei titoli a breve termine per fare cassa da utilizzare nelle operazioni di arbitraggio.

Anticipando una simile tendenza, la curva dei tassi sul mercato monetario ha visto un movimento al rialzo proprio dopo l’annuncio di metà settembre dell’introduzione del ‘tiering’.

Francoforte ha tuttavia garantito che monitorerà con estrema attenzione l’andamento del mercato, in modo che i costi del nuovo sistema ‘a scaglioni’ non superino i benefici e che i tassi non si muovano in maniera anomale.

Il nuovo tasso che misura la media overnight introdotto dalla Bce a sostituzione dell’Eonia, Estr, si è mantenuto sostanzialmente stabile da una settimana a questa parte, dal momento che alle operazioni di arbitraggio partecipa soltanto una minoranza delle banche della zona euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below