July 16, 2019 / 12:52 PM / a month ago

Commissione, Von der Leyen cerca sponde a sinistra in vista voto parlamento Ue

STRASBURGO, 16 luglio (Reuters) - Il candidato alla presidenza della Commissione europea, la tedesca Ursula von der Leyen, prova a fare appello agli scettici tra i socialisti europei ma anche al gruppo dei liberali per ottenerne il voto come nuovo numero uno dell’esecutivo comunitario. Aperture anche nei confronti di verdi e ambientalisti con proposte ambiziose sul sociale, sul clima e sull’immigrazione.

Se il parlamento Ue, che comincia a votare a scrutinio segreto alle 18, dovesse respingere la nomina di von der Leyen, sarebbe un duro colpo per l’Unione, che già sta facendo fronte allo scontro commerciale tra Usa e Cina, al faticoso percorso della Brexit e alle spinte sovraniste che minacciano di erodere le norme democratiche.

Sarebbe anche un grave problema per i leader Ue, costretti in tal caso a dover proporre un nuovo candidato in un mese.

Von der Leyen, che ha rassegnato ieri le proprie dimissioni da ministro della Difesa tedesco, per quanto ancora nell’incertezza di ricevere il nuovo incarico dal parlamento, necessita di 374 voti per ottenere un’assoluta maggioranza.

In caso di vittoria, sarebbe la prima donna alla guida della Commissione Europea. Frutto di un compromesso in sede di un vertice straordinario dei capi di Stato e di governo, la sua candidatura ha in qualche modo infastidito alcuni parlamentari che avevano proposto i propri candidati.

La sessantenne tedesca, membro della Cdu di Angela Merkel, ha fatto appello all’unità, cercando di conquistare un parlamento diviso, in cui gli euroscettici hanno ottenuto importanti progressi nel voto di maggio.

“Chi vuole vedere l’Europa rafforzarsi, crescere e prosperare mi avrà al suo fianco come entusiasta combattente. Chi invece vuole vedere l’Europa indebolirsi, dividersi e abbandonare i propri valori mi avrà come acerrima avversaria” ha detto von der Leyen al Parlamento.

“Se siamo uniti all’interno, nessuno ci dividerà dall’esterno” ha aggiunto, passando con facilità dal tedesco all’inglese ma anche al francese, avendo trascorso l’infanzia a Bruxelles.

FIGURA DI COMPROMESSO

Rivolgendosi all’assemblea di Strasburgo, la candidata si è offerta collaborare per concedere alla Camera il diritto di proporre nuove leggi, prerogativa oggi esclusiva della Commissione.

Nel discorso di ieri aveva promesso ieri ambiziosi obiettivi sulla riduzione delle emisisoni di anidride carbonica, una politica fiscale orientata alla crescita e tasse più alte per le grandi società ‘tech’.

Sul tema del riscaldamento globale si è impegnata a imporre per legge l’azzeramento delle emissioni entro il 2050 nei primi 100 giorni del suo mandato, stanziando inoltre fondi per la transizione a fonti di energia rinnovabili ai paesi che dipendono dai carburanti fossili.

“Il bene del nostro pianeta è il bene del nostro popolo e dei nostri paesi”, ha detto.

Si è poi detta consapevole delle controversie attorno all’immigrazione, proponendo di aggiornare le norme a riguardo per l’intera Ue. “Dobbiamo affrontare i giusti timori di molti e capire come superare le nostre differenze”.

Iratxe Garcia, leader di Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D), ha detto che la politica conservatrice tedesca si sta muovendo nella giusta direzione, ma i socialisti richiedono obiettivi vincolanti.

Von del Leyen può contare su 182 voti dal gruppo del Partito Popolare Europeo e per vincere dovrà conquistare il voto di 153 membri di Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici e 108 voti dai liberali di Renew Europe.

Il sostegno del partito di estrema destra Conservatori e Riformisti Europei (ECR), dei nazionalisti dall’Europa dell’Est e dai membri britannici del parlamento, tuttavia, potrebbe in qualche modo comprometterne la legittimità e indebolirne gli sforzi per mantenere le norme democratiche.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below