November 28, 2018 / 11:27 AM / 19 days ago

PUNTO 1-Manovra, Tria: governo valuta calo deficit in dialogo con Ue

(Aggiunge contesto e dichiarazioni Tria)

ROMA, 28 novembre (Reuters) - Nel confronto con le autorità europee, il governo sta valutando “attentamente” se sia possibile trovare “spazi finanziari” che permettano di ridurre il deficit, indicato nel 2019 al 2,4% del Pil, senza compromettere l’esigenza di sostenere la crescita.

La prospettiva di una procedura di infrazione europea “pone oggi il governo e il Parlamento di fronte alla necessità di assumere decisioni di forte responsabilità nazionale”, ha detto il ministro dell’Economia Giovanni Tria durante un’informativa in Senato.

“Stiamo attentamente valutando se si possano trovare spazi finanziari per migliorare l’equilibrio tra la necessità di sostenere la crescita e la necessità di consolidare la sostenibilità dei conti pubblici”.

La procedura avviata è per deficit eccessivo e riferita al debito pubblico, visto scendere dalla Commissione europea troppo lentamente rispetto ai parametri del Fiscal compact.

Teoricamente, le regole europee obbligherebbero l’Italia a ridurre il rapporto debito/pil, visto al 129,2% nel 2019, di circa 3,5 punti in media annua, oltre 60 miliardi in valore assoluto. La correzione è pari ad un ventesimo della differenza tra il livello attuale del debito e il parametro del 60% fissato dai Trattati.

Prima di valutare una riduzione dell’obiettivo di indebitamento il governo sta calcolando il costo effettivo del reddito di cittadinanza e di ‘quota 100’, il nuovo regime di accesso anticipato alla pensione.

Le risorse risparmiate saranno riallocate privilegiando la spesa per investimenti, è stato deciso al termine di un vertice lunedì scorso.

Tria, nel riepilogare il percorso che ha portato Bruxelles a bocciare la manovra italiana, ha detto che l’obiettivo del governo è affrontare “problemi concreti e non certo organizzare un affronto all’Europa o un’uscita dall’euro”.

Il ministro ha inoltre sottolineato “la necessità di non divergere dalle regole europee nella misura in cui ciò rischia di produrre effetti negativi sulla crescita e sulla politica espansiva, facendo aumentare il costo di finanziamento del debito”.

“Dobbiamo tenere conto dei timori dei partner europei e del grado di incertezza che permane i mercati”.

Tria è comunque tornato a difendere la necessità di attuare politiche anticicliche, ribadendo che da settembre gli ultimi dati macroeconomici indicano “un deterioramento più deciso delle prospettiva di crescita”.

(Giuseppe Fonte)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below