October 8, 2018 / 2:27 PM / a month ago

Reddito cittadinanza in collegato manovra, Di Maio: se serve anche decreto

ROMA/MILANO, 8 ottobre (Reuters) - La riforma dei centri per l’impiego e l’introduzione del reddito di cittadinanza saranno inseriti in un collegato alla manovra ma non è escluso anche un decreto legge successivo, se fosse necessario.

Lo ha detto oggi a Berlino il ministro del Lavoro, dello Sviluppo e vice premier 5 Stelle, Luigi Di Maio.

La Nota di aggiornamento al Def dice che “l’introduzione del reddito di cittadinanza e la riforma dei centri per l’impiego” saranno previsti in uno dei dodici disegni di legge collegati alla legge di Bilancio.

Di Maio ha precisato oggi che “qualora dovesse servire una normativa perché nella legge di bilancio non riusciamo a mettere tutte le norme, subito dopo la legge facciamo un decreto per dare le ultime norme che ci servono per fare funzionare al meglio il sistema”, ha detto il vice premier.

M5s e Lega hanno annunciato oltre 16 miliardi per la revisione della legge Fornero, reddito e pensioni di cittadinanza a 780 euro.

I collegati alla manovra riguardano in particolare le start up innovative, i risparmiatori coinvolti dalla crisi del sistema bancario, le agevolazioni alle società che riducono le emissioni inquinanti e i giochi d’azzardo.

Oggi a Milano, il vice ministro allo Sviluppo Dario Galli, della Lega, ha detto che “sul reddito [di cittadinanza] si possono fare tutti i ragionamenti che si vogliono, ma quello che uscirà alla fine non sarà esattamente come quello che volevano i 5 Stelle”.

“Sono 9 miliardi: di cui 3 erano nel reddito di inclusione (Rei) che viene assorbito... Dei 6 restanti, 2 miliardi tornano allo Stato come Iva [sui consumi che aumenteranno con la distribuzione del reddito di cittadinanza]. Gestire quindi i 4 che restano per i poveri non è un problema”.

“Prossimamente ci sarà in Italia un incontro tra team di lavoro del governo tedesco e del governo italiano per portare in Italia il più possibile quello che c’è di buono nel modello tedesco di centri per l’impiego”, ha detto ancora Di Maio che oggi ha incontrato il ministro del Lavoro tedesco, Hubertus Heil.

In Germania è una Agenzia centrale governativa a gestire le politiche attive per il lavoro. In Italia il Jobs act aveva introdotto l’Anpal sul modello tedesco ma il fallimento della riforma costituzionale ha riportato in capo alle Regioni la gestione e il coordinamento dei centri per l’impiego.

(Lisa Di Giuseppe, Angelo Amante)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below