September 3, 2018 / 2:46 PM / 3 months ago

Dopo Fitch, Tria spinge su Lega e M5s per deficit sotto 2% Pil - fonti

ROMA/MILANO, 3 settembre (Reuters) - Dopo che venerdì Fitch ha peggiorato a negativo da stabile l’outlook sul debito italiano, il ministro dell’Economia Giovanni Tria spinge su Lega e M5s perché l’indebitamento netto resti sotto il 2% del Pil nel 2019.

Lo riferiscono due fonti, governative e vicine al dossier, mentre il leader leghista, Matteo Salvini, continua a mettere in discussione gli impegni con Bruxelles e dice che il deficit sfiorerà il tetto europeo del 3%.

Il titolare del Tesoro, appena tornato a Roma dopo una missione a Pechino e Shanghai, vorrebbe limitare il deficit all’1,8 o all’1,9%, spiega una delle fonti.

Dal Tesoro non è stato possibile avere un commento.

Se l’indebitamento tendenziale fosse confermato all’1,2%, livello anticipato da Tria al Sole 24 ore l’8 agosto, il governo, con un target superiore di 0,6 punti percentuali a 1,8%, avrebbe a disposizione gran parte dei 12,4 miliardi necessari a sterilizzare l’aumento di Iva e accise in programma nel 2019. Ma in questo modo non ci sarebbe spazio per le misure volute dai partiti di governo se non trovando coperture di spesa adeguate.

Da allora però i rendimenti sono ulteriormente saliti e il ‘margine’ da utilizzare potrebbe essersi ridotto ulteriormente. Il tasso sul decennale è cresciuto infatti di oltre 30 punti al 3,184%. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi ha superato i 290 punti base.

All’opposto, poi, la Commissione chiede all’Italia una correzione strutturale (deficit al netto del ciclo e delle una tantum) di 0,6 punti di Pil.

Le ultime stime ufficiali risalgono al Def di aprile e indicano un indebitamento tendenziale all’1,6% del Pil nel 2018 e allo 0,8 l’anno successivo. I nuovi obiettivi saranno diffusi entro il 27 settembre, tramite la Nota di aggiornamento al Def.

Sul mercato è diffuso il timore che le promesse elettorali di Lega e M5s possano portare l’Italia a invertire il percorso di riduzione del debito pubblico, visto sopra al 130% del Pil quest’anno.

Assumendo le stime fornite dalla maggioranza, occorrono più di 70 miliardi per introdurre il reddito di cittadinanza (17 miliardi), la dual tax e rivedere la legge Fornero sui requisiti di accesso alla pensione.

Tria a Shanghai ha garantito che l’Italia rispetterà gli impegni europei, innescando la reazione del vice premier e leader M5s, Luigi Di Maio, per il quale il governo deve “mettere al centro i cittadini” anziché dare retta alle agenzie di rating.

La fonte spiega che il cantiere della manovra ripartirà domani o mercoledì 5 settembre, quando il premier Giuseppe Conte convocherà a Palazzo Chigi Di Maio, Salvini, Tria e i principali ministri economici.

Prima del vertice Salvini riunirà a Montecitorio i responsabili economici e i capigruppo di Camera e Senato della Lega, secondo una fonte del partito.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below