February 15, 2018 / 1:51 PM / in 3 months

PUNTO 1-Debito 2017 a 2.256 mld, +36,6 mld su 2016 ma sotto stime Tesoro

* Debito 2017 inferiore di quasi 3 mld a stime governo

* Tesoro ha ridotto disponibilità liquide di 13,8 mld

* Resta incognita Eurostat su salvataggio Veneto e Vicenza (Aggiorna con dettagli e contesto)

ROMA, 15 febbraio (Reuters) - L’Italia ha chiuso il 2017 con un debito pubblico in crescita di 36,6 miliardi rispetto all’anno precedente ma su un livello lievemente più basso di quanto previsto dal governo.

I dati diffusi oggi da Bankitalia mostrano che il debito a fine dicembre ha raggiunto quota 2.256,1 miliardi, quasi 3 miliardi in meno rispetto ai 2.258,8 indicati nel Documento programmatico di bilancio (Dpb).

A compensare il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche(51,8 miliardi) è stata la riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (13,8 miliardi a 29,3), spiega Bankitalia.

Gli scarti e i premi all’emissione e al rimborso, la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e la variazione del cambio hanno contenuto il debito di 1,5 miliardi.

A settembre il Tesoro aveva già esplicitato l’intenzione di ridurre la liquidità in misura pari allo 0,7% del Pil, circa 12 miliardi. A consuntivo il calo risulta superiore di quasi 2 miliardi e ha contribuito a compensare i mancati incassi da privatizzazioni (il target era di 3,4 miliardi).

Il governo ha previsto che il debito si attesti al 131,6% del Pil nel 2017, tornando a scendere su base annua dopo un primo calo avvenuto nel 2015. Il dato di consuntivo sarà diffuso a inizio marzo dall’istituto di statistica.

La dinamica del debito rischia tuttavia di rivelarsi meno favorevole del previsto per i dubbi di Eurostat sul salvataggio di Popolare Vicenza e Veneto banca.

Le stime del Tesoro non includono infatti la garanzia pubblica sul finanziamento (5,4 miliardi elevabili a 6,4) di Intesa SP al soggetto liquidatore dei due istituti.

Eurostat ha avviato un’istruttoria e potrebbe imporre a Istat di includere il finanziamento nel debito pubblico perché il liquidatore agisce su incarico dello Stato.

“È prevedibile che Eurostat decida su questo aspetto entro la prossima primavera”, ha scritto l’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb) in un focus sui conti pubblici di martedì 13 febbraio.

Nel Dpb il calo del rapporto debito/pil è visto rafforzarsi nel triennio 2018/2020, una dinamica su cui possono pesare le dubbie coperture dei programmi elettorali, presentati dai partiti in vista del voto di inizio marzo.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below