December 22, 2017 / 3:14 PM / 8 months ago

Tesoro, funding 2018 più leggero, elezioni elemento incertezza - linee guida

* Ultime linee guida stilate da Cannata, in uscita a febbraio

* In 2018 scadenze inferiori di 30 miliardi rispetto a quest’anno

* Vita media del debito a fine 2017 salita a 6,9 anni

* In 2018 offerta netta positiva su extralungo

di Elvira Pollina

MILANO, 22 dicembre (Reuters) - L’anno prossimo il Tesoro avrà esigenze di finanziamento inferiori rispetto al 2017 ma l’offerta netta sarà positiva sul tratto extra-lungo, a fronte dell’assenza di scadenze di titoli dai 15 anni in su nel 2018.

Sono alcune delle indicazioni contenute nelle linee guida di gestione del debito pubblico, le ultime stilate da Maria Cannata, da 17 anni responsabile del dipartimento e in uscita a fine febbraio, quando a prendere il suo posto sarà il vice Davide Iacovoni.

CONTESTO DIVERSO

Il quadro in cui il Tesoro dovrà muoversi, spiega il documento, nel 2018 sarà probabilmente molto diverso rispetto all’anno che si avvia concludersi.

Se da un lato il quadro economico è migliore, a livello globale ed europeo, il contesto geopolitico presenta diversi elementi di incertezza a livello internazionale e nazionale. In particolare, la scadenza cerchiata in rosso è quella delle elezioni politiche in Italia.

Il Tesoro ritiene che le condizioni che hanno consentito al nel 2017 di finanziarsi a un costo medio molto basso (0,68%), seppur in salita rispetto al minimo storico del 2016 (0,55%) debbano in parte perdurare, per effetto della continuità dell’azione della Banca centrale europea.

Quest’ultima proseguirà con il quantitative easing, sebbene da gennaio l’iimporto degli acquisti mensili scenderà a 30 miliardi di euro dai 60 miliardi attuali, e reinvestirà inoltre i proventi dei titoli in scadenza. A contenere il costi finanziamento dovrebvero contribuire anche il miglioramento del quadro economico e di finanza pubblica.

La presenza sul mercato del Tesoro sarà finalizzata a consolidare i risultati raggiunti quest’anno sul fronte delle vita media del debito, che a fine 2017 risulta in salita a 6,9 anni, a un soffio dall’obiettivo di 7 anni.

SCADENZE INFERIORI DI 30 MLD

Esclusi i Bot l’anno prossimo scadranno titoli per un totale complessivo di 184 miliardi, un importo di 30 miliardi inferiore al volume di scadenze 2017: considerando la previsione di disceesa del fabbisogno di cassa del settore statale (a 2,8% da 3,4% del Pil), è da ritenesi prevedibile, secondo il Tesoro, una riduzione complessiva dei titoli a medio-lungo termine offerti al mercato.

BOT

Sembra aver raggiunto il punto di minimo l’importo circolante di Bot (106 miliardi): il Tesoro dovrà valutare se mantenere il ricorso al mercato per un importo sostanzialmente in linea con i volumi in scadenza o effettuare emissioni nette moderatamente positive. In ogni caso la quota di Bot sullo stock di debito rimarrà stbile intorno al 5,6%, su livelli estremamente contenuti.

CTZ

Nel 2018, il volume di Ctz in scadenza sarà pari a 24 miliardi di euro e, come nell’ultimo anno, il volume delle emissioni sarà essenzialmente in linea ai rimborsi. Viene confermata la frequenza mensile dell’offerta. Saranno presumibilmente introdotti due nuovi benchmark.

BTP

Per le scadenze 3 e 5 anni le emissioni, annuncia il Tesoro, saranno inferiori a quelle del 2017 e inferiori rispetto all’importo dei titoli in scadenza, rispettivamente 41 e 37 miliardi.

I volumi emessi saranno in linea a quest’anno per i Btp a 7 e 10 anni (rispettivamente poco più di 30 miliardi e intorno ai 40 miliardi). I Btp decennali aumenteranno il loro peso rispetto allo stock del debito, grazie ad emissioni nette “ampiamente positive”. Per entrambe le linee sono previste almeno due nuove emissioni.

L’assenza di titoli in scadenza sul settore extralungo, nonostante le minore necessità di funding e l’intenzione di mantenere una quota percentuale in linea all’ultimo biennio, porterà ad emissioni nette ampiamente positive sul comparto.

Per quanto riguarda il calendario, la novità riguarda la scadenza 50 anni, che potrà essere riaperta anche a metà mese e non solo a fine mese.

Il collocamento via sindacato resterà la principale procedura di emissione di nuovi benchmark sulle scadenze più lunghe. In circostanze eccezionali il Tesoro si riserva di utilizzarla per riaprire volumi significativi dei titoli extra-lunghi già in circolazione.

CCTEU

Le emissioni di Ccteu saranno superiori alle scadenze, in risposta al gradimento elevato incontrato presso una platea sempre più ampia di operatori, sempre nell’ambito di un approccio prudente ai fini della gestone del rischio tasso e senza alterare significativamente l’entità della quota di questi titoli rispetto allo stock complessivo.

BTPEI

Nel 2018 il Tesoro garantirà una “presenza rilevante” sui titoli indicizzati all’inflazione europea, con volumi di offerta superiori a quest’anno. Saranno inoltre esaminate le condizioni per il lancio di nuovi titoli sul segmento a 5 anni e su quello a più lungo termine, dopo il lancio del nuovo decennale effettuato nel 2017.

RIAPERTURE

Per i titoli con scadenza residua superiore a 10 anni, nominali o indicizzati all’inflazione, il Tesoro si avvarrà come quest’anno, della possibilità di aumentare discrezionalmente la precentuale dei collocamenti supplementari riservati agli specialisti nella tranche successiva alla prima — normalmente emessa via sindacato — portandola al 20% dall’attuale 15%.

BTP ITALIA

L’anno prossimo verrà garantita almeno un’emissione con scadenza 6 anni, non essendoci titoli in scadenza nei prossimi 12 mesi. Ove si riscontrino le condizioni, comunque, verrà valutata la possibilità di effettuare un secondo collocamento. Come quest’anno, verranno valutate eventuali operazioni di concambio o riacquisto, riguardanti titoli dotati di un importo in circolazione particolarmente elevato.

CONCAMBIO E RIACQUISTO

Le operazioni saranno finalizzate a ridurre la concentrazione di rimborsi previsti nel biennio 2019-2020.

EMISSIONI ESTERE

Il Tesoro ha intenzione di vagliare tutte le opportunità che si presenteranno per emissioni in questi due formati nel corso del 2018, considerato anche che i titoli internazionali in scadenza nel corso dell’anno ammontano a circa 3 miliardi di euro.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below