December 12, 2017 / 9:22 AM / 5 months ago

PUNTO 2-UniCredit migliora promessa dividendi 2019, non pensa a M&A

* Target payout 2019 passa dal 20% al 30%

* Migliora stima npe ratio 2019 al 7,8% da 8,4%

* Confermato target costi, cambia mix ricavi (Riscrive con dettagli e contesto)

di Gianluca Semeraro

MILANO/LONDRA, 12 dicembre (Reuters) - A meno di un anno dalla “cura da cavallo” da 13 miliardi, UniCredit torna a Londra in forma smagliante, perfettamente in linea con gli obiettivi del piano annunciato dodici mesi fa e con una promessa di un dividendo più ricco dal 2019.

L’obiettivo è essere una “banca paneuropea vincente” in grado di assorbire con la generazione organica del capitale gli impatti regolatori attesi mantenendo un Cet1 sopra il 12,5% e con un payout che passa dal 20 al 30% nel 2019 e può salire fino al 50% dall’anno successivo.

Una banca paneuropea che, stando alle dichiarazioni ufficiali, non guarda a grandi operazioni di M&A. “Il piano è basato sulla crescita organica e contiamo di crescere organicamente fino al 2019 e anche oltre”, ha detto a questo proposito il Ceo Jean Pierre Mustier in un briefing sull’aggiornamento del piano.

Il banchiere però “accoglie con favore” la spinta dei regolatori verso la creazione di banche paneuropee. “Noi siamo una delle poche”, aggiunge.

“Tutti i target chiave sono confermati”, ha detto Mustier aprendo il Capital Markets Day.

Confermato il target del Rote oltre 9%. Addirittura migliorati gli obiettivi sui crediti deteriorati, lordi e netti, che passano rispettivamente a 40,3 (ulteriore diminuzione di 4 miliardi) e 17,7 miliardi a fine piano. L’incidenza sul totale crediti è vista al 7,8% dall’8,4% annunciato lo scorso anno.

Sulla mega operazione Fino con cui la banca deconsolida 17,7 miliardi di crediti in sofferenza, UniCredit ha compiuto un passo importante con accordi che le consentiranno di scendere sotto il 20% dall’attuale 49,9% dei titoli emessi con le cartolizzazioni.

Nel complesso gli accordi annunciati oggi prevedono un prezzo “lievemente più alto” rispetto alla prima cessione (quando era stato intorno al 13% del nominale). Mustier ha escluso ulteriori accantonamenti a fronte di questi crediti e ha nuovamente smentito che l’operazione sia sotto esame delle autorità.

Sempre sul fronte dei crediti problematici, la banca entro il 2025 effettuerà il completo ‘rundown’ del portafoglio crediti non core.

Confermato anche l’obiettivo dei ricavi a 20,6 miliardi entro fine 2019 con una composizione differente: più commissioni (+0,1 miliardi a 7,1 miliardi) e meno margine di interesse (-0,1 miliardi a 11 miliardi rispetto al precedente target).

I costi sono avanti rispetto al piano con il target di 10,6 miliardi confermato. In particolare la banca ha completato il 51% delle riduzioni di organico previste con un ulteriore 9% atteso negli ultimi tre mesi di quest’anno e ha chiuso 557 filiali in Europa Occidentale fino a fine settembre. “Non pensiamo di chiudere altre filiali nonostante il forte investimento sull’IT”, ha detto il direttore generale Gianni Franco Papa. “Dopo il 2019 valuteremo”.

Il titolo nel finale azzera i guadagni dopo una seduta quasi per intero in territorio positivo in un contesto in cui riaffiorano i timori per le pressioni della Bce sulla gestione dei crediti deteriorati delle banche italiane. Alle 16,55 è piatto in linea con l’indice di settore.

- Hanno collaborato Valentina Za da Milano, Pamela Barbaglia da Londra

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below