December 7, 2017 / 11:07 AM / 6 months ago

Bond euro, in 2018 offerta netta potrebbe essere positiva, prima volta da inizio Qe

    LONDRA, 7 dicembre (Reuters) - L'anno prossimo, per la prima
volta dal lancio del massiccio programma di stimolo monetario
della Banca centrale europea, le emissioni di bond dei Paesi
della zona euro, al netto delle scadenze, potrebbero superare
l'importo degli acquisti della Bce.
    Il ritmo degli acquisti mensili di bond dell'istituto
centrale di Francoforte si dimezzerà a 30 miliardi di euro a
partire da gennaio. Gli acquisti proseguiranno almeno fino a
settembre 2018. 
    Negli ultimi tre anni, le emissioni nette di bond
all'interno della zona euro, tenendo conto degli acquisti della
Bce, sono diventate negative per un importo arrivato fino a
quasi 400 miliardi di euro, secondo alcune stime, creando una
carenza di asset e spingendo i rendimenti di larga parte del
mercato sotto zero. 
    "Quest'anno gli acquisti Bce sono molto superiori rispetto
all'offerta netta, l'anno prossimo siamo più o meno allo stesso
livello", sostiene Seamus Mac Gorain, gestore di portafogli
reddito fisso a Jp Morgan Asset Management.
    Nelle previsioni di Abn Amro l'offerta si affaccerà in
territorio positivo per la prima volta dall'avvio del
quantitative easing nel 2015. Per la banca olandese,
considerando gli acquisti Bce, l'offerta netta sarà positiva per
3 miliardi, mentre quest'anno è stata negativa per oltre 300
miliardi.
    Anche le banche che ritengono che la domanda di bond da
parte della Bce eccederà ancora l'offerta netta, vedono comunque
il divario in sensibile riduzione rispetto a quest'anno.
    
 
 
 
    In ogni caso, l'opinione diffusa è che il mercato resterà
comunque ben supportato nel 2018, anche se complessivamente il
contesto sarà meno favorevole rispetto a quest'anno.
     Ci sono comunque delle differenze nell'offerta e
nell'impatto degli acquisti della Bce all'interno dei diversi
Paesi della zona euro.
    Le emissioni nette di Francia e Italia, a detta degli
strategist, dovrebbero tornare in territorio positivo, anche
sottraendo gli acquisti del programma di quantitative easing.
    Secondo un report di UniCredit, sottratti gli acquisti del
Qe, le emissioni nette italiane nel 2018 saranno positive
nell'ordine di una decina di miliardi.
     Antoine Bouvet, strategist di Mizuho, ritiene che le
emissioni nette francesi, una volta sottratti gli acquisti Bce,
saranno positive per 32 miliardi.
   All'opposto, l'offerta netta in Germania e in Olanda, una
volta contati gli acquisti di bond da parte di Francoforte,
resterà in territorio negativo.
    
     
    
    Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana
con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono
digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama
Italia" 
    
    Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia 
  

    
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below