2 ottobre 2017 / 15:01 / 2 mesi fa

Trevi vicina alla firma dello standstill con banche, punta a ridurre costi

MILANO, 2 ottobre (Reuters) - Trevi è vicina alla firma dello standstill con le banche in modo da passare poi alla fase della ristrutturazione del debito.

E’ quanto ha detto un manager della società di ingegneria nel corso di una call con gli analisti per presentare i risultati del primo semestre chiuso con una perdita in peggioramento a 118,3 milioni d euro (da 23,6 milioni dello stesso periodo del 2016) e ricavi consolidati in calo a 460,8 milioni (da 519,3 milioni), a causa dell‘incertezza legata alle prospettive di crescita del comparto dell‘esplorazione nell‘Oil&gas.

“Siamo vicini alla firma dello standstill, stiamo aspettando di ottenere tutti gli ok dalle banche in modo da procedere con questo standstill. Appena lo abbiamo, possiamo passare alla fase della ristrutturazione del debito”, ha spiegato il manager.

I risultati stanno pesando sull‘andamento del titolo in borsa che cede il 17,1% a 0,63 euro.

Parlando dell‘andamento del settore, l‘AD Stefano Trevisani ha detto che l‘azienda sta ristrutturando le “attività e ci stiamo rifocalizzando su alcuni aspetti del nostro business, puntando alla riduzione dei costi della struttura”.

(Giancarlo Navach)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below