7 giugno 2017 / 09:04 / 5 mesi fa

PUNTO 4-Tesoro colloca Btp 30 anni da 6,5 mld, condizioni generose in vista fase difficile

(aggiorna con pricing e cedola)

di Elvira Pollina

MILANO, 7 giugno (Reuters) - Nonostante la fase di mercato non sia delle più agevoli, il Tesoro ha emesso via sindacato un nuovo Btp 30 anni da 6,5 miliardi, con scadenza marzo 2048, concedendo qualcosa in termini di rendimento.

Il premio di 10 punti base sul tasso del Btp marzo 2047 , pur inferiore alla guidance (+11 pb) e alla prima indicazione (+12 pb), segnala una non trascurabile concessione, pari a 5-6 centesimi rispetto alle condizioni di mercato.

Secondo gli addetti ai lavori, però, con buona probabilità, rimandere l‘emissione di qualche settimana o in autunno, vista la possibilità di elezioni anticipate, avrebbe reso l‘operazione, attesa da diverse settimane, di più difficile gestione.

“In linea teorica -- dice un operatore attivo sul mercato dei governativi italiani -- lo spread sul Btp 2047 non avrebbe dovuto andare oltre 4-5 centesimi, (il fatto che sia più alto) vuol dire che il Tesoro emette con una certa difficoltà su questo segmento ma evidentemente ritiene che aspettare oltre potrebbe essere peggio”.

L‘emissione, che offre un rendimento di 3,536%, è stata prezzata a reoffer 98,956 e staccherà una cedola di 3,45%. Il Btp 2047 cedola 2,70%, emesso a febbraio dell‘anno scorso per 9 miliardi, nell‘ultima riapertura da 1,25 miliardi nelle aste di metà maggio è stato collocato al rendimento lordo di 3,32%.

DOMANDA SFIORA 24 MLD

Tali livelli hanno attratto una domanda che ha superato quota 23,7 miliardi di euro, di cui poco più di 3 miliardi provenienti dai joint lead manager. Il consorzio di banche cui è stato affidato il mandato di gestire l‘emissione è composto da Bnp Paribas, Citigroup, Goldman Sachs, Hsbc e UniCredit.

“Oggettivamente, visto il contesto di mercato, il risultato è soddisfacente e non ritengo che aspettando ancora si sarebbe potuto fare meglio”, dice un secondo operatore.

Il ministero dell‘Economia ha quindi sfruttato la prima finestra utile, anticipando la densa giornata di giovedì 8 giugno, quando il duplice appuntamento con le elezioni britanniche e il consiglio della Banca centrale europea potrebbe sollevare non poca volatilità.

RISCHI POLITICI

Ma, soprattutto, il Tesoro ha scelto di coprirsi prima di una possibile accelerazione verso il voto anticipato in autunno, visto l‘accordo raggiunto sulla legge elettorale. A settembre, inoltre, la Banca centrale europea potrebbe delineare con maggiore chiarezza il percorso di uscita dall‘attuale orientamento ultraccomodante.

Considerando l‘emissione odierna, che andrà a sostenere l‘obiettivo strategico di mantenere quantomeno invariata la vita media del debito a 6 anni e 9 mesi a fine 2017, il Tesoro -- secondo calcoli Reuters -- ha completato quasi il 51% del funding annuo, atteso intorno ai 435 miliardi di euro.

Guardando la curva dei Btp, il nuovo trentennale si inserisce tra il titolo marzo 2047, che intorno alle 17 sul secondario offre un rendimento in area 3,44% -- e il Btp 50 anni marzo 2067, cedola 2,8%, che si attesta in area 3,63%.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below