31 luglio 2012 / 11:49 / 5 anni fa

PUNTO 1-Crisi, fine tunnel si avvicina per Italia e Europa - Monti

(Aggiorna con commenti Hollande, andamento spread)

ROMA, 31 luglio (Reuters) - Alla vigilia di un tour di tre giorni tra diverse capitali europee, il premier Mario Monti si è dichiarato moderatamente ottimista sulla conclusione della crisi dell‘euro purché i governi della Ue diano esecuzione senza indugio alle decisioni prese dall‘ultimo Consiglio europeo.

“La fine del tunnel sta cominciando a illuminarsi per noi e il resto d‘Europa”, ha detto stamattina Monti in un‘intervista a Radio Anch‘io.

Monti avrà oggi una colazione di lavoro a Parigi con il presidente francese François Hollande. Tra domani e giovedì si recherà in Finlandia, paese contrario alle ultime misure difensive decise dai leader europei per rendere più immediato l‘intervento dei fondi salva-stati a sostegno degli spread dei paesi europei virtuosi e in Spagna, paese con il quale l‘Italia ha fatto fronte comune all‘ultimo summit in Belgio.

Con Hollande, “vogliamo verificare i rispettivi punti vista e come insieme Francia e Italia possano contribuire ad accelerare la messa in sicurezza dell‘euro e dare un deciso impulso alla crescita europea”, ha detto Monti.

“Credo che la chiave di volta sia di spingere per l‘attuazione senza ritardi e senza ritorni indietro delle decisioni prese a Bruxelles”, ha detto il premier riferendosi alle misure per la stabilizzazione dei mercati finanziari decise al Consiglio europeo di fine giugno.

Ieri sera Hollande aveva già espresso il proprio supporto all‘iniziativa e alle politiche di Monti, parlando durante una visita a Londra per le Olimpiadi.

“La solidarietà europea ovviamente si basa sulla disciplina, ma anche nel permettere ai Paesi che hanno adottato misure severe di essere premiati con tassi più bassi. Questo è ciò che mi ripeterà Monti e io gli darò il mio sostegno”, ha detto il presidente francese.

“Ho molto rispetto di Monti perché è stato coraggioso. E’ stato capace di chiedere sacrifici agli italiani, lo ha fatto in modo corretto, e ora chiede che questi sforzi vengano riconosciuti. Se i Paese adottano misure di austerità e ancora pagano tassi molto elevati, come possono ottenere la fiducia dalla propria gente?”, si chiede Hollande.

ACCORDO SU LEGGE ELETTORALE DAREBBE FIDUCIA A MERCATI

Dopo Parigi, Monti andrà per due giorni a Helsinki. In Finlandia, paese dell‘eurozona in prima linea nel fronte del rigore, cercherà di dimostrare come i meccanismi decisi a giugno siano nell‘interesse di tutta l‘Europa, “guardandoci negli occhi e nelle statistiche”, ha detto Monti.

L‘ex commissario europeo riconosce gli enormi progressi fatti dalla Finlandia ma chiede che anche Helsinki sappia guardare cosa ha fatto l‘Italia in questi ultimi anni.

“Non chiederò solidarietà alla Finlandia, non credo che l‘Italia ne abbia bisogno, ma cercherò di dimostrare come aprire a questi meccanismi decisi a giugno sia nell‘interesse tutta Europa, Finlandia e Italia incluse”, ha detto Monti.

A Monti è stato infine chiesto se esista una relazione tra l‘andamento dello spread e la data, anticipata o meno, delle prossime consultazioni elettorali in Italia.

Il premier ha detto che una relazione esiste con il clima complessivo con cui si arriverà alle prossime elezioni.

“Lo scenario peggiore, che voglio subito esorcizzare, sarebbe elezioni che si tengono sì alla scadenza naturale, non anticipate, ma se ci si arrivasse senza una riforma della legge elettorale e in un clima, da oggi ad allora, di disordinata rissa tra partiti”, ha detto Monti.

“Ebbene la combinazione di queste due cose darebbe ai cittadini italiani la sensazione, forse fondata, che la politica ha fatto sì grandi sforzi per sostenere in Parlamento questo governo ma non ha fatto compiti in casa propria, nel senso di riformare se stessa e i mercati internazionali certamente sarebbero legittimati a nutrire scetticismo su quello che succede dopo questo governo”.

Se invece i partiti accogliessero presto l‘appello reiterato del presidente della Repubblica e facessero la riforma elettorale, mettendo a fuoco i loro programmi “tutto questo sarebbero elementi utili per i mercati e per i cittadini italiani”.

Alle 13.00 lo spread tra Btp e Bund tedeschi sulla scadenza decennale è a 468 punti, poco variato dal livello di questa mattina, con un rendimento del titolo italiano appena sopra il 6%.

(Stefano Bernabei, Roberto Landucci)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below