April 9, 2020 / 2:16 PM / in a month

RPT-Coronavirus, Esma mette in guardia agenzie di rating da declassamenti avventati

(Rimanda correggendo RIC di Standard & Poor’s al paragrafo 6)

di Huw Jones

LONDRA, 9 aprile (Reuters) - Le agenzie di rating dovrebbero evitare di aggravare la crisi del coronavirus con rapidi declassamenti di paesi e società in un momento in cui la pandemia sta spingendo le economie verso la recessione.

Lo ha detto il presidente dell’Esma, l’autorità europea dei mercati.

Steven Maijoor, a capo del watchdog europeo, ha detto che l’Esma ha intensificato i suoi contatti con le agenzie di rating per capire come stanno rispondendo alla crisi Covid-19.

La pandemia ha bloccato vaste aree dell’economia, con la Francia già in recessione poiché le imprese sono costrette a chiedere prestiti e a licenziare milioni di dipendenti per rimanere a galla.

Ma secondo le banche centrali, le flessioni saranno temporanee, seguite da un recupero dell’attività economica una volta che le restrizioni ai movimenti delle persone saranno eliminate.

“Le tempistiche del rating devono essere attentamente calibrate”, ha detto Maijoor parlando del settore dominato da sole tre società, Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch.

Fitch ha tagliato il rating del debito sovrano britannico alla fine di marzo, mentre il rating italiano - già non troppo lontano dal non-investment grade - è destinato a essere rivisto da S&P e Moody’s nel prossimo mese.

La pandemia ha sollevato un problema noto come prociclicità, visto l’ultima volta durante la crisi finanziaria di un decennio fa.

Il parlamento europeo ha quindi approvato la regolamentazione diretta delle agenzie di rating da parte dell’Esma nella Ue nel tentativo di evitare che si ripeta quanto è già accaduto con i declassamenti dei rating dei titoli sovrani che hanno intensificato la crisi del debito della zona euro.

Si prevede un aumento significativo dei declassamenti, dato l’impatto di Covid-19 sull’economia e il deterioramento della qualità del credito deve essere adeguatamente rappresentato, ha detto Maijoor.

“Ma ciò che importa è la tempistica tra la presa in considerazione dei maggiori rischi di una scarsa qualità del credito e il non agire in modo prociclico e assicurarsi che le tempistiche di questi declassamenti siano effettuate in modo appropriato”.

Le agenzie di rating “devono farlo in modo indipendente. Non possiamo e non dovremmo interferire direttamente nei processi di rating”, ha aggiunto Maijoor.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below