September 24, 2019 / 3:40 PM / 24 days ago

Bce, buoni segnali lavoro non implicano per forza aumento inflazione - de Guindos

FRANCOFORTE, 24 settembre (Reuters) - La Banca centrale europea deve guardare oltre i recenti, positivi, dati sul mercato del lavoro per definire la propria politica monetaria perché non è detto che si traducano necessariamente in un aumento dell’inflazione.

Lo dice il vicepresidente Luis de Guindos.

“L’attuale basso tasso di disoccupazione e i recenti aumenti salariali non implicano necessariamente che un’inflazione più alta sia dietro l’angolo”, osserva de Guindos durante un incontro Bce.

“Le decisioni di politica monetaria devono essere prese sulla base di una vasta gamma di indicatori economici, e non solo il tasso di disoccupazione e i salari”, ha aggiunto.

(Tradotto da Redazione Danzica, camilla.caraccio@thomsonreuters.com))

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below