May 2, 2019 / 10:43 AM / 7 months ago

Di Maio dice che avanzerà 1 mld da reddito cittadinanza, andrà a famiglie

ROMA, 2 maggio (Reuters) - Il governo risparmierà un miliardo di euro rispetto alla cifra messa a bilancio per il reddito di cittadinanza perché alcune richieste sono state respinte, ha detto oggi il vicepremier Luigi Di Maio, annunciando che la somma sarà redistribuita in aiuti alle famiglie. “Dal reddito di cittadinanza avanzerà un miliardo di euro perché ci sono delle persone che hanno fatto richiesta ma non ne hanno diritto”, ha detto il capo del Movimento 5 Stelle presentando il programma per le elezioni europee del 26 maggio. Per finanziare il reddito di cittadinanza, misura bandiera del M5s, il governo ha stanziato a bilancio 7,1 miliardi nel 2019, 8,1 miliardi nel 2020 e 8,3 miliardi nel 2021, compreso il rinnovo dei centri per l’impiego. La misura prevede un sostegno al reddito di disoccupati, lavoratori sotto la soglia di povertà che siano maggiorenni e disoccupati poveri. L’aiuto è legato all’impegno a cercare lavoro. L’importo massimo per una singola persona è di 780 euro al mese. La presentazione delle domande è partita il 6 marzo mentre i primi assegni arriveranno da maggio.

Il Movimento 5 stelle puntava a raggiungere una platea di 5 milioni di persone, considerate povere. Secondo il neopresidente Inps, Pasquale Tridico, nei primi due mesi sono arrivate circa 950.000 richieste di sussidi, con un tasso di rifiuto del 25%.

Di Maio ha indicato come primo punto del programma europeo M5s l’introduzione del salario minimo garantito, ricordando che la misura era nel programma elettorale sia della Lega, suo alleato al governo, sia del Pd, principale partito di opposizione. “Mi devono spiegare perché non lo vogliono votare”, ha detto il vicepremier, che si aspetta a breve il via libera del Senato alla norma.

Escluso infine, per il capo dei pentastellati, un aumento dell’Iva. “Ben venga la flat tax ma non aumentando l’Iva”, ha detto.

La flat tax è una misura particolarmente cara alla Lega.

In una recente intervista, il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha messo in chiaro che non è possibile ridurre le tasse, tagliare la spesa e non toccare l’Iva.

Sempre Tria ha avvisato che il governo studierà “misure alternative” per evitare l’aumento dell’Iva previsto nel 2020 senza dover alzare il deficit.

Per disinnescare le clausole di salvaguardia, a saldi invariati, occorrono 23,1 miliardi il prossimo anno.

(Angelo Amante)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below