September 5, 2018 / 3:01 PM / 2 months ago

Corsa in salita per l'Italia verso posti chiave Bce - fonti

ROMA, 5 settembre (Reuters) - E’ tutta in salita la strada dell’Italia per mantenere la propria influenza all’interno della Banca centrale europea. Diverse fonti europee riferiscono di un paese “isolato” mentre a Francoforte si liberano posti chiave e gli investitori si interrogano sulla politica economica del nuovo governo di Roma.

Le chance di avere in autunno un italiano alla guida della vigilanza bancaria europea vengono considerate molto basse mentre è considerato alto il rischio che l’Italia, dopo il passaggio di testimone di Mario Draghi il prossimo anno, si ritrovi per la prima volta senza propri rappresentanti nel comitato esecutivo Bce.

La prospettiva è dunque quella di un indebolimento dell’influenza dell’Italia su una delle istituzioni più importanti della zona euro proprio nel momento in cui Roma ne avrebbe più bisogno, con i costi di finanziamento sui mercati finanziari in crescita e le banche nazionali ancora alle prese con gli effetti dell’ultima crisi economica.

Questo scenario potrebbe anche segnare la fine dell’era Draghi quando la Bce si è mossa con coraggio per difendere dalla speculazione i paesi indebitati come l’Italia e ha adottato una politica monetaria ultra espansiva per aiutarne le economie nonostante l’opposizione della Germania.

“La situazione attuale è unica e non può essere replicata”, ha osservato una delle fonti.

La Bce ha avviato l’iter per sostituire dal prossimo anno Daniele Nouy alla guida della vigilanza unica europea (SSM).

L’italiano Andrea Enria, capo dell’Autorità bancaria europea è una delle tre persone che hanno annunciato la propria candidatura insieme all’irlandese Sharon Donnery, vice governatore della banca centrale dell’Irlanda, e Robert Ophele, capo dell’organo di vigilanza francese sui mercati.

Indiscrezioni di stampa hanno indicato anche un altro italiano interessato al posto della Nouy, l’attuale membro del consiglio di sorveglianza della Bce Ignazio Angeloni.

Angeloni non ha risposto alle richieste di commento.

Tuttavia, le fonti sentite da Reuters ritengono difficile che l’Italia possa sostenere con successo un proprio candidato dopo lo scontro pubblico con l’Ssm su come le banche dovrebbero trattare i crediti deteriorati.

“L’Italia è isolata all’interno dell’SSM”, ha detto una delle fonti.

I problemi dell’Italia potrebbero aprire la strada alla Donnery che ha guidato la task force della Bce sulle sofferenze bancarie e può contare sull’appoggio della Germania.

Il capo della vigilanza è proposto dalla Bce dopo un iter di selezione ma la nomina è fatta dai capi di Stato e di governo UE all’interno di un più ampio processo di distribuzione di responsabilità tra i vari paesi membri.

Le frizioni tra il governo populista italiano e partner influenti quale la Francia su temi come l’immigrazione rendono difficile per Roma stringere alleanze, secondo le fonti.

“Le possibilità che Enria ottenga il posto della Nouy sono molto basse, direi sotto il 30%”, ha detto un’altra fonte.

Mancare la poltrona dell’SSM sarebbe una sconfitta non da poco per Roma che rischia anche di essere esclusa dal comitato esecutivo della Bce quando Draghi conclude il mandato il 31 ottobre del 2019.

A meno che Draghi sia sostituito da un francese o da un tedesco e si liberi così un posto nel comitato per l’Italia, Roma potrebbe dover aspettare fino a dicembre 2019 quando terminerà il mandato del francese Benoit Coeure o fino al 2020 inoltrato, quando scadrà il lussemburghese Yves Mersch.

La Francia ha già avuto un presidente della Bce e il governo tedesco sembra voler puntare sul prossimo presidente della Commissione Ue, secondo due articoli apparsi recentemente su Il Sole 24 Ore e l’Handelsblatt.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below