29 marzo 2016 / 11:03 / tra 2 anni

PUNTO 1-Carige, Apollo offre acquisto Npl e quota maggioranza con aumento 550 mln

(Aggiunge altri dettagli, background, andamento titolo)

MILANO, 29 marzo (Reuters) - Banca Carige ha ricevuto dal fondo Apollo un‘offerta per l‘acquisto del portafoglio di crediti in sofferenza e per un ingresso nel capitale della banca con una quota superiore al 50% attraverso un aumento riservato da 500 milioni.

Lo ha confermato l‘istituto ligure con una nota specificando che l‘aumento di capitale, che servirà per compensare la perdita derivante della cessione delle sofferenze, è complessivamente di 550 milioni, offerto in opzione per i restanti 50 milioni agli attuali azionisti.

La notizia dell‘offerta, dopo le indiscrezioni stampa degli ultimi giorni con la borsa chiusa per il lungo ponte pasquale, ha spinto al rialzo titolo in un mercato che si attende il lancio di un‘Opa.

Alle 11,45 Carige segna un rialzo del 4,6% a 0,59 euro dopo il balzo di oltre il 10% nelle prime fasi con scambi già quasi pari alla media di una intera seduta.

Il comunicato della banca spiega che l‘offerta del fondo Usa, che lo scorso giugno ha rilevato le compagnie assicurative del gruppo Carige, è giunto in modo non sollecitato lo scorso 23 marzo rivedendo una precedente proposta del 10 febbraio. La prima offerta prevedeva l‘acquisto del portafoglio crediti in sofferenza e un aumento di capitale da 625 milioni riservato ad Apollo per 525 milioni e in opzione agli azionisti per i restanti 100 milioni.

Nella seconda versione Apollo ha confermato la proposta “non vincolante e riservata” a condizioni riviste, e che potrà diventare vincolante “al verificarsi di determinate e modificate condizioni preliminari e sospensive”.

L‘aumento di capitale da 550 milioni è interamente garantito da fondi affiliati ad Apollo, specifica la banca.

La nota non dice a che prezzo il fondo rileverebbe le sofferenze di Carige, che a fine 2015 erano pari a 3,5 miliardi, a livello lordo.

Secondo due fonti vicine alla situazione il gruppo americano sarebbe disposto a pagare 695 milioni per gli Npl, un prezzo pari al 20% circa del valore nominale.

Questo implica un‘ulteriore svalutazione di circa 700 milioni di euro che verrebbero compensati per la maggior parte dall‘aumento di capitale offerto da Apollo.

La proposta sarà valutata dal nuovo Cda della banca che sarà eletto nell‘assemblea di giovedi prossimo nell‘ottica di una forte discontinuità voluta da Malacalza Investimenti, maggiore azionista con il 17,58% e che ha stretto con la Fondazione Carige un patto sul 19,5% del capitale.

Agli attuali prezzi di borsa Carige capitalizza circa 478 milioni di euro e l‘eventuale ingresso di Apollo con un aumento riservato determinerebbe una forte diluizione della quota detenuta da Malacalza.

La vicenda è sotto stretta osservazione della Bce che, secondo quanto riferito da una fonte, “ha imposto al board di esaminare la proposta che eliminerebbe alla radice i problemi di Carige”.

Secondo gli analisti l‘operazione avrebbe una logica da un punto di vista finanziario in quanto le perdite delle sofferenze dovrebbero essere compensate dalla ricapitalizzazione e la qualità dell‘attivo avrebbe un miglioramento sostanziale.

Un broker sottolinea, tuttavia, che l‘offerta non sembra abbastanza generosa in quanto eliminando le sofferenze la banca potrebbe generare molti più utili.

(Andrea Mandalà, Silvia Aloisi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below