10 settembre 2013 / 17:50 / 4 anni fa

PUNTO 1-Tesoro chiede aumento tetto emissioni nette 2013 a 98 mld euro

* Italia lotta per contenere debito pubblico

* Importo massimo emissioni nette aumenta per seconda volta in un anno

* Incertezza politica pesa su costo finanziamento (Aggiunge contesto)

di Valentina Za e Gavin Jones

ROMA, 10 settembre (Reuters) - La commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento del governo che aumenta a 98 miliardi di euro da 80 miliardi l‘importo massimo delle emissioni nette del Tesoro per il 2013.

La mossa segnala le difficoltà del Tesoro a contenere i conti pubblici e si è resa necessaria per il bisogno di finanziare alcune misure dell‘esecutivo tra cui il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione alle aziende fornitrici.

Il fabbisogno statale è quasi raddoppiato nei primi otto mesi a 60 miliardi contro i 33 dello stesso periodo 2012.

Da un lato sta pesando il contributo, più negativo del previsto, dell‘economia in recessione, dall‘altro i costi di una politica fiscale concentrata sull‘abolizione dell‘Imu.

A inizio anno l‘importo massimo delle emissioni nette era stato indicato in 24 miliardi

Per quest‘anno il Tesoro ha un target di emissioni lorde di 450 miliardi, già soddisfatto per il 76% circa, che a questo punto dovrà essere rivisto al rialzo.

Solo per coprire il pagamento nel 2013 di ulteriori 7,2 miliardi di debiti della Pa, approvato dal Consiglio dei ministri di fine agosto, il Tesoro dovrà ricorrere a emissioni aggiuntive di titoli di Stato fino a 8 miliardi.

Queste emissioni non incideranno sul rapporto deficit/Pil ma faranno lievitare il rapporto fra debito e reddito nazionale già previsto al 130% a fine anno, il livello più alto nella zona euro dopo quello della Grecia.

L‘Italia, che è appena uscita dalla procedura europea per deficit eccessivo, si è data un obiettivo di indebitamento del 2,9% per fine anno, un soffio sotto il limite Ue del 3%.

Entro settembre il Tesoro aggiornerà i target di finanza pubblica e ci si aspetta un aumento degli obiettivi 2014 per deficit e debito attualmente rispettivamente all‘1,8 e 129%.

“Credo che l‘aumento del tetto per le emissioni sia gestibile dal momento che il programma di finanziamento per l‘anno in corso è già a buon punto”, ha detto Luca Cazzulani, fixed-income strategist di Unicredit.

Oggi i rendimenti dei titoli di Stato italiani hanno superato quelli spagnoli per la prima volta dal marzo 2012 per le incertezze sulla tenuta del governo di Enrico Letta.

Gli analisti si aspettano che la pressione dell‘offerta e le tensioni politiche continuerano a pesare sui Btp nei confronti dei Bonos almeno nel breve periodo.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Per leggere ‘ANALISI-Italia, lotta contro il tempo per rispetto deficit/Pil’ fare doppio click su

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia (Valentina Za, Gavin Jones)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below