11 novembre 2011 / 14:24 / tra 6 anni

PUNTO 2-Legge Stabilità, ok Senato; Monti si prepara per Chigi

* Provvedimento contiene alcune misure anti crisi promesse a Ue

* Domani, dopo via libera definitivo Camera, Berlusconi si dimette

* Napolitano e Monti al lavoro su lista ministri (Aggiunge andamento mercati, dichiarazioni Wulff e Van Rompuy)

di Giuseppe Fonte e Francesca Piscioneri

ROMA, 11 novembre (Reuters) - Il Senato ha approvato alcune delle misure anti crisi promesse all‘Europa che domani, dopo il passaggio alla Camera, apriranno la strada alle dimissioni di Silvio Berlusconi e al tentativo di Mario Monti di costituire un nuovo governo.

Un Consiglio dei ministri è stato convocato sabato alle 18 per formalizzare la decisione della remissione del mandato di Berlusconi nelle mani del Presidente della Repubblica.

Giorgio Napolitano vuole dare uno sbocco immediato alla crisi e calmare la bufera che si è abbattuta sui titoli sovrani dell‘Italia. Le indicazioni sono che potrebbe conferire l‘incarico a Monti già domenica sera e il nuovo governo giurare se non il giorno stesso, già lunedì.

Che all‘Italia servano riforme e non elezioni anticipate è convinto il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, che lo ha detto oggi esplicitamente parlando a Firenze.

Questa mattina Monti ha avuto il suo battesimo nell‘aula del Senato, dove si è per la prima volta recato nel suo nuovo ruolo di senatore a vita.

Anche i mercati sembrano sempre più rassicurati dall‘ipotesi di Monti premier. La Borsa di Milano intorno alle 16,00 guadagna oltre il 3% e lo spread pur su livelli altissimi, poco sotto i 470 punti sul Btp decennale, va decisamente ripiegando.

Le acque nel partito di Berlusconi però continuano ad essere agitate: il Pdl è diviso tra chi, come il ministro degli Esteri Franco Frattini, sostiene l‘opzione del governo di larghe intese e chi, come il ministro per l‘Attuazione del programma Gianfranco Rotondi, è nettamente contrario.

Per questo è prevista una nuova riunione dell‘Ufficio di presidenza del Pdl per raggiungere a maggioranza una posizione comune.

“Serve un sostegno pieno, una piena assunzione di responsabilità”, ha detto oggi Frattini respingendo l‘idea di un appoggio esterno, ossia l‘idea che il Pdl si limiti a non votare contro e a non avere propri ministri.

“Riscontro che c’è un‘enorme quantità di parlamentari, di deputati e senatori, che non condividono né l‘idea di appaltare a tecnici la politica, né l‘idea di tenere al governo ministri del Pdl e del Pd”, è l‘opinione opposta di Rotondi.

Gli interventi inseriti nella Legge di Stabilità vanno dalle dismissioni di immobili pubblici e terreni agricoli di proprietà dello Stato alla partecipazione degli enti locali alla riduzione del debito pubblico.

E’ previsto anche un dispositivo per assicurare che dal 2026 l‘età di accesso alla pensione di vecchiaia salga per uomini e donne a 67 anni e la mobilità territoriale per i dipendenti pubblici.

Gli ispettori della Commissione europea e della Banca centrale europea che da lunedì sono a Roma per verificare gli impegni presi dall‘Italia nel vertice di Bruxelles del 26 ottobre verificheranno quanto resti ancora da fare.

Nella lettera inviata il 4 novembre al ministro dell‘Economia Giulio Tremonti, il commissario Ue per gli Affari economici Olli Rehn ha detto di ritenere molto probabili misure aggiuntive di correzione dei conti pubblici per raggiungere l‘obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013 e del calo del debito dal 2012.

Secondo le stime di Bruxelles l‘indebitamento netto italiano, infatti, si fermerà tra due anni all‘1,2% del Pil.

Al governo Monti, se riuscirà a ottenere il via libera dei principali partiti italiani, spetterà l‘attuazione delle promesse fatte da Berlusconi tra le quali anche una minore rigidità delle norme che consentono i licenziamenti senza giusta causa.

Tra le misure che sono state invocate con più frequenza in questi mesi di inferno per i titoli sovrani italiani, una nuova tassa sui patrimoni e un giro di vite sulle pensioni di anzianità.

Parole di fiducia sulla solidità del sistema Italia sono arrivate oggi dal presidente tedesco Christian Wulff, nel corso di una telefonata con Napolitano.

“Il presidente tedesco ha espresso un forte senso di amicizia verso l‘Italia e piena consapevolezza del potenziale della nostra economia e della solidità del sistema bancario italiano. Ha quindi manifestato l‘auspicio che gli sforzi in atto per dare soluzione alla crisi di governo di fatto apertasi vadano a buon fine e consentano di attuare le misure necessarie per far fronte alle gravi insidie cui è esposta l‘Italia nell‘attuale contesto”, informa una nota del Colle.

(Scritto da Giselda Vagnoni, Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224210, Reuters Messaging: giselda.vagnoni.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below