27 novembre 2009 / 15:39 / tra 8 anni

Safilo, balzo in borsa,ottimismo a vigilia scadenza offerta bond

* Trader citano circolo virtuoso acquisti azioni-bond

* Lock-up in scadenza su 38,75% bond non sembra preoccupare

* Quotazione bond anche oggi rimane ben sopra soglia 60

di Gabriella Bruschi e Cristina Carlevaro

MILANO, 27 novembre (Reuters) - Alla vigilia dell‘ultimo giorno lavorativo prima della nuova scadenza - la terza e probabilmente ultima - dell‘offerta sul bond Safilo (SFLG.MI), il mercato sembra scommettere sul successo dell‘offerta ma soprattutto dell‘intera operazione di salvataggio della società veneta, alla luce del denaro che si sta riversando sulle azioni della società di occhialeria.

A Piazza Affari il titolo ha chiuso in rialzo del 7,59% a 0,5810 euro dopo aver toccato anche un incremento a due cifre. Alla stessa ora il bond è quotato a 69,5-70,5 poco sotto i livelli di ieri.

Sul mercato continuano a circolare diverse ipotesi, il cui minimo comune denominatore sembra essere l‘idea che l‘operazione messa in piedi dal socio Hal e dalla stessa Safilo per salvare la società dalle difficoltà finanziarie trovi la via del successo.

La principale ipotesi è quella di un lavorio sul mercato azionario per acquistare azioni ben sotto dai massimi dell‘anno - 0,81 a gennaio - per poi rivenderle post-salvataggio.

Più di un operatore parla di “attività di trading tra azioni e bond”: c’è chi punta a consegnare il bond ottenendo 60, con una perdita del potenziale valore del titolo del 40%, che però può più che recuperare comprando azioni in questi giorni sul mercato o a sconto nel successivo aumento di capitale per poi rivenderle quando si saranno rivalutate.

Secondo più di un dealer del mercato secondario c’è, d‘altra parte, chi interviene sul mercato, alimentando la speculazione dul bond 2013 in circolazione per 195 milioni di euro. “Il prezzo (di 60) è troppo basso e c’è chi sta cercando di forzare la mano” spiega uno di loro.

“Hal sottoscriverà azioni a 45 e poi altre a 31,4 centesimi per azione (con i due aumenti di capitale programmati). Ha quindi un ‘entry cost’ intorno a 32 centesimi. Ma guadagna soldi dal fatto che compra bond a 60, li tiene se vuole fino alla scadenza con rimborso 100”, ragiona un bonholder.

“C’è un soggetto che ha in mano la porzione di bond mancante per chiudere l‘offerta e che ha intenzione di offrirla ad Hal, chiedendogli ufficiosamente in cambio però un prezzo più alto, per esempio 65 o 70, quello espresso dal mercato” dice un altro.

Non pesa quindi negativamente sul mercato la notizia che lunedì 30 scade il lock-up che impegna un grupo di bondholder a consegnare il 38,75% per cui hanno dato una scadenza a termine. La clausola emersa ieri non era indicata nel prospetto informativo che accompagna l‘offerta.

“Non saprei proprio dire che cosa sta succedendo, con i bond ben sopra 60 e le azioni in rialzo quasi del 7% in tre giorni di mercati in calo. Normalmente questi titoli a leva molto elevata sono quelli che soffrono maggiormente quando i mercati sono in discesa. Forse qualcuno sa qualcosa che noi non sappiamo... altrimenti direi che sono tutti dei pazzi”, spiega un operatore.

Non viene escluso che altri potenziali attori stiano alla finestra, interessati all‘evolversi della situazione, come Diego Della Valle, azionista di Safilo ufficialmente con il 2% e anche di Marcolin MCL.MI, con il 40% insieme al fratello, e il concorrente Luxottica (LUX.MI). Quest‘ultima in passato ha smentito di avere alcun interesse, mentre Della Valle recentemente, in qualità di azionista, si è limitato a dire di non essere preoccupato della situazione di Safilo.

Alcuni rilevano che con un maggiore disimpegno della famiglia Tabacchi, ora azionista di riferimento di Safilo, forse non si sarebbe giunti a questa situazione di braccio di ferro tra obbligazionisti da una parte e Hal e società dall‘altra. Il piano di Hal prevede una diluizione della famiglia Tabacchi al 10%, mentre scenari precedenti implicavano una completa uscita dei fondatori.

“Con una maggiore diluizione della famiglia, Hal avrebbe potuto sottoscrivere a circa 20 centesimi per avere lo stesso rendimento, un prezzo che sarebbe stato offerto anche ai piccoli azionisti e tutti avrebbero partecipato al potenziale upside, con i bond lasciati all‘ammontare attuale senza promuovere un‘offerta. Sarebbe stata un‘operazione molto più fair”.

Ma il prezzo di 20 centesimi avrebbe comportato il collocamento di un maggiore numero di azioni con la conseguente maggiore diluizione dei Tabacchi. “E a quel punto probilmente gli azionisti avrebbero accettato di non far scattare la causola ‘change of control’, che prevede il rimborso immediato”, aggiunge.

Ieri Hal ha deciso di estendere nuovamente al 30 novembre il termine per l‘offerta lanciata sui bond Safilo senza prevedere ulteriori proroghe. Le adesioni a ieri stagnavano a 42,45% ben lontane dalla soglia-obeittivo.

Anche perchè è stato annunciato ieri che il 30 novembre scade un accordo di lock-up in base al quale alcuni detentori del bond si sono impegnati ad aderire all‘offerta, sul 38,76% del totale.

Sono mesi che Safilo cerca una soluzione, possibilmente con un nuovo partner finanziario e industriale, alla sua critica situazione finanziaria.

A fine settembre il debito ammontava a 586,3 milioni. A inizio luglio le banche creditrici hanno concesso alla società una proroga al 31 dicembre prossimo per il pagamento di una rata di finanziamento, scaduta il 30 giugno, e un ‘waiver’ sui covenant finanziari a fine giugno

(Redazione Milano, Reuters Messaging: cristina.carlevaro.reuters.com@reuters.net, +39 02 66129585, milan.newsroom@news.reuters.com))

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below