27 agosto 2009 / 07:17 / tra 8 anni

BORSE ASIA-PACIFICO -Indici in calo su prese profitto, pesa Cina

 --------------------------------------------------------------- INDICE                      ORE 8,50     VAR%      CHIUSURA 2008 MS A-P exJ .MIAPJ0000PUS    360,11     -0,71           247,35 HONG KONG .HSI           20.224,33     -1,14        14.387,48 SINGAPORE .FTSTI          2.630,41     +0,07         1.761,56 TAIWAN .TWII              6.690,75     -0,42         4.591,22 SEOUL .KS11               1.599,33     -0,92          1.124,47 SHANGHAI COMP .SSEC       2.646,39     -0,71         1.820,80 SYDNEY               4.450,8      -0,08         3.722,30 INDIA .BSESN             15.791,56     +0,14         9.647,31 ----------------------------------------------------------------
 MILANO, 27 agosto (Reuters) - Le borse asiatiche sono in calo su prese di profitto da parte degli investitori dopo i rialzi della viglia e sull‘apprezzamento dello yen che hanno lasciato gli investitori cauti.
 In perdita anche le piazze cinesi, caratterizzate nell‘ultimo periodo da forte volatilità soprattutto al ribasso, con Hong Kong che risente di risultati societari deludenti.
 Intorno alle 8,50 l‘indice MSCI .MIAPJOOOOPUS, che esclude il Giappone, cede lo 0,71% a 360,11 punti. A Tokyo l‘indice Nikkei .N225 ha concluso in calo dell‘1,56%  a 10.473,97, dopo aver toccato ieri il massimo dei 10 mesi.
 HONG KONG cede oltre l‘1% su risultati, come quelli della casa di moda Esprit (0330.HK) che ha annunciato una riduzione degli utili del 40% nel semestre su cali delle vendite soprattutto in Europa, il suo mercato core. Male anche CNOOC (0883.HK), maggior produttore cinese di energia, dopo aver riportato un calo del 55% negli utili del primo semestre, record negativo dal 2005.
  SHANGHAI dopo un avvio in positivo ripiega di oltre lo 0,5% appesantito dai petroliferi come Sinopec (600028.SS) e Petro China (601857.SS), titolo peggiore del paniere. Il settore immobiliare, che ieri aveva guidato i rialzi, oggi è misto dopo che Pechino ha detto che intende fare dei passi per contenere al sovraproduzione industriale che spazia da acciaio al cemento, come ha riportato l‘agenzia Xinhua.
  In rosso anche TAIWAN, sui timori per un rimpasto di governo e per la diffusione dell‘influenza H1N1. In crescita il settore tech con Taipei Amtran Technology (2489.TW), che produce tv a schermo piatto, in rialzo di quasi il 7% ; bene anche la concorrente Mediatek (2454.TW) e il gigante dell‘elettronica Hon Hai (2317.TW).
 In lieve calo anche la borsa INDIANA, nonostante i rialzi delle società di outsourcing Infosys Technologies (INFY.BO) e le rivali Tata Consultancy (TSC.BO) e Wipro (WIPR.BO) che hanno vinto contratti per forniture IT della durata di 5 anni con BP (BP.L). Bene anche gli energetici con BGR Energy (BGRE.BO) che amplia i guadagni di oltre il 6% dopo aver vinto un contratto da 16,3 miliardi di rupie per un progetto con Chattisgarh State Power Generation.
 SEOUL ha concluso in calo di quasi l‘1%, appesantita dai finanziari come Hana Financial (086790.KS). Hunday Heavy (009540.KS) salgono grazie ai nuovi ordini, mentre Kumho Electric (001210.KS) è salita in maniera significativa dopo una nota positiva di un broker.
 Piatta SYDNEY in una seduta caratterizzata da rialzi del settore bancario e dialtre società che hanno beneficiato dei segnali di stabilizzazione dell‘economia australiana che hanno bilanciato i cali dei minerari.
      

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below