November 7, 2019 / 3:59 PM / a month ago

Banca Mediolanum, fusione con Mediobanca ha senso ma non in nostri obiettivi - Doris

MILANO, 7 novembre (Reuters) - L’ipotesi di fusione fra Banca Mediolanum e Mediobanca ha senso ma non c’è nulla sul tavolo e non è negli obiettivi della banca guidata da Massimo Doris.

Lo ha detto a Reuters l’AD in un’intervista.

L’idea di un merger con Mediobanca “è un’ipotesi elaborata da un analista che ha senso perché le banche sono complementari, ma non è sul tavolo e non è nei nostri obiettivi”, ha spiegato il manager.

Doris ha detto che la banca, già azionista di Piazzetta Cuccia con una partecipazione del 3,3% circa, non ha acquistato azioni Mediobanca nell’ambito del collocamento della quota in mano ad Unicredit e non intende aumentare la propria presenza nel capitale.

Diversamente, la famiglia Doris potrebbe rafforzare la propria partecipazione dello 0,4%, “portandola, nel tempo, all’1%”, ha detto Doris.

Doris si è definito un azionista soddisfatto di Mediobanca.

“Fino ad oggi Mediobanca ha fatto bene... noi siamo azionisti soddisfatti, il business è diversificato e redditizio”, ha detto.

Leonardo del Vecchio, divenuto primo azionista di Mediobanca dopo l’uscita di Unicredit dal capitale, ha in passato criticato la gestione della merchant bank, sollecitando una rifocalizzazione sull’investment banking ed una crescita per linee esterne. (Maria Pia Quaglia, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below