May 29, 2019 / 7:21 AM / 6 months ago

Huawei contesta legalità legge di Washington che limita suo business Usa

HONG KONG, 29 maggio (Reuters) - La cinese Huawei Technologies Co Ltd ha presentato una mozione di giudizio sommario nell’ambito della causa intentata dal produttore di apparecchiature per telecomunicazioni contro il governo degli Stati Uniti.

Si tratta dell’ultima mossa di Huawei per difendersi dalle sanzioni di Washington che minacciano di estrometterla dai mercati globali.

La mozione, depositata ieri alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti del Distretto Orientale del Texas, chiede di dichiarare incostituzionale la Sezione 889 del NDAA (National Defense Authorization Act) del 2019 nell’ambito della causa promossa da Huawei a marzo.

La legge NDAA, approvata dal Congresso degli Stati Uniti la scorsa estate, prevede un ampio divieto alle agenzie federali e ai loro contractor di utilizzare apparecchiature Huawei per motivi di sicurezza nazionale, citando i legami dell’azienda con il governo cinese.

Huawei ha ripetutamente negato di essere controllata dal governo, dai servizi militari o di intelligence cinesi.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below