November 23, 2018 / 10:28 AM / 24 days ago

Dolce e Gabbana chiedono scusa alla Cina in un video su Weibo

SHANGHAI, 23 novembre (Reuters) - Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno chiesto scusa alla Cina per aver offeso la sensibilità del suo popolo nel tentativo di salvaguardare un mercato cruciale per il loro marchio di moda.

L’ondata di critiche che ha investito alcune pubblicità destinate ai consumatori cinesi ha portato, prima, alla cancellazione di una sfilata-evento a Shanghai e poi a un diffuso boicottaggio dei prodotti della maison.

I cinesi sono i primi consumatori al mondo di beni di lusso e da soli valgono più di un terzo del mercato globale, con un ruolo sempre più rilevante degli acquisti in madrepatria.

Le pubblicità nell’occhio del ciclone mostrano una donna cinese in difficoltà nel tentativo di mangiare pizza, spaghetti e un grosso cannolo con le bacchette, mentre la voce di un uomo le insegna con tono paternalistico come mangiare. Lo scivolone è stato poi peggiorato da un post su Instagram attribuito a Stefano Gabbana in cui criticava pesantemente la Cina. Il gruppo ha dichiarato che l’account dello stilista è stato piratato.

In un video di scuse pubblicato oggi su Weibo, la piattoforma cinese simile a Twitter, i due stilisti dicono di aver pensato moltissimo in questi giorni con grande dispiacere a quello che hanno causato in Cina e chiedono scusa ai cinesi di tutto il mondo. “Amiamo la vostra cultura e certamente abbiamo ancora molto da imparare. Per questo ci scusiamo se abbiamo sbagliato nel nostro modo di esprimerci”, dicono in italiano, seduti fianco a fianco, con sottotitoli in cinese. Concludono chiedendo scusa in mandarino.

Non è questa la prima gaffe di Dolce&Gabbana in Cina, perché già l’anno scorso erano scoppiate delle polemiche su come alcune pubblicità mostravano la vita quotidiana del Paese.

Anche altri marchi hanno incontrato qualche difficoltà in quel mercato; Balenciaga (Kering) lo scorso aprile si è scusato in seguito al montare delle polemiche per come erano stati trattati dei clienti cinesi a Parigi.

Al momento l’incidente diplomatico che ha coinvolto il brand italiano non sembra in via di soluzione. La catena retail Lane Crawford ha detto che ritirerà i prodotti del gruppo dai negozi fisici e online in Cina e a Hong Kong dopo che alcuni clienti ne hanno riportato indietro alcuni.

La maggior parte dei commenti postati sotto il video di scuse di Dolce e Gabbana su Weibo continuano ad essere critici.

“Non accettiamo le vostre scuse. Andate a fare soldi in altri Paesi, non c’è nulla per voi in Cina”, scrive un utente.

Ieri i prodotti Dolce&Gabbana non erano disponibili sui siti in Cina di Yoox Net-A-Porter (Richemont), così come su quelli ospitati da Alibaba e JD.com.

“E’ un mercato diverso quello della Cina oggi; i consumatori sono più consapevoli e c’è molta più scelta”, commenta Sindy Liu, consulente di marketing nel lusso con base a Londra.

“Molti brand occidentali non capiscono veramente la Cina quando si tratta di sensibilità culturale. Ma la maggior parte dei marchi è piuttosto cauta, non si lancia in cose umoristiche”.

I commenti controversi di uno stilista possono essere devastanti per un marchio. Nel 2011 Christian Dior, oggi interamente controllato da LVMH, ha licenziato il direttore artistico John Galliano dopo un video che lo riprendeva mentre apostrofava con commenti antisemiti alcune persone in un bar di Parigi.

(Adam Jourdan, Donny Kwok)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below