August 22, 2018 / 2:05 PM / 4 months ago

PUNTO 2-Atlantia valuta impatto iter revoca concessione, Gdf sequestra documenti

(Aggiorna con nota Atlantia, cambia titolo e lead)

MILANO, 22 agosto (Reuters) - Atlantia verificherà l’impatto che l’iter di revoca della concessione avviato dal governo e le esternazioni arrivate dopo il crollo del ponte Morandi di Genova stanno avendo sulla società, per tutelare azionisti e risparmiatori.

Le decisioni sono state assunte dal consiglio di amministrazione dopo che ieri si è riunito il board della controllata Autostrade per l’Italia (Aspi) concessionaria dell’A10 sulla quale si trovava l’opera che è crollata causando 43 vittime.

“In relazione alla lettera di contestazione formulata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nei confronti di Autostrade per l’Italia, il Consiglio di Atlantia ha avviato le verifiche relative all’impatto di tale missiva in merito agli strumenti finanziari del Gruppo”, annuncia la nota.

Il governo, dopo il collasso del viadotto avvenuto il 14 agosto, ha annunciato di voler revocare le concessioni ad Aspi.

“Il Consiglio ha altresì avviato la valutazione degli effetti delle continue esternazioni e della diffusione di notizie sulla Società, avendo riguardo al suo status di società quotata, con l’obiettivo di tutelare al meglio il mercato e i risparmiatori”, prosegue il comunicato.

Il titolo Atlantia ha lasciato sul terreno oggi oltre il 3,6%, molto sotto la media del listino. Il titolo il 13 agosto valeva circa 25 euro contro i 18,18 odierni.

Sempre oggi la Guardia di Finanza ha sequestrato atti nella sede di Atlantia e Aspi a Genova, nell’ambito dell’inchiesta della procura del capoluogo ligure sul crollo del ponte.

Lo riferisce a Reuters il procuratore aggiunto di Genova Paolo D’Ovidio, tra i titolari dell’inchiesta, ad oggi ancora senza indagati, che ipotizza i reati di attentato colposo alla sicurezza dei trasporti, omicidio colposo plurimo e disastro colposo.

Le società al momento non commentano.

Le autorità stanno valutando modi e tempi per abbattere i due monconi del ponte rimasti in piedi e ritenuti pericolanti, dopo che oggi la Commissione ispettiva nominata dal ministero dei Trasporti (Mit) ha evidenziato la “pericolosità della pila 10 del Viadotto Polcevera”.

In base a questa comunicazione, il presidente della Regione Liguria e commissario per l’emergenza di Genova, Giovanni Toti, ha inviato una lettera ad Aspi e al Mit in cui evidenzia gli obblighi della società “in merito alle attività di verifica, consolidamento, messa in sicurezza o demolizione dei tronconi del viadotto non collassati e instabili”.

“Stante le rilevate condizioni di pericolo, si resta in attesa di conoscere le attività che Società Autostrade per l’Italia intende immediatamente porre in essere, nel rigoroso rispetto delle azioni richieste dall’autorità giudiziaria”, scrive Toti.

Complessivamente 553 persone sono state sfollate dagli edifici che si trovavano sotto il pilastro numero 10 ancora in piedi e la Regione ha assicurato che entro fine novembre tutte le 251 famiglie potranno entrare in nuovi appartamenti nei quartieri limitrofi.

La prefettura ha reso noto ieri sera che per i Vigili del Fuoco saranno necessari ancora alcuni giorni per la definitiva liberazione del greto del Polcevera dai detriti del ponte ancora presenti, anche per consentire il completamento di alcune perizie, tenendo conto che almeno fino a domani non sono previste piogge che possano determinare situazioni di criticità.

Ilaria Polleschi Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below