September 6, 2018 / 1:33 PM / 9 months ago

PUNTO 1-Autostrade, mai fatte pressioni su ministro dice Aiscat, ma Toninelli insiste

(Aggiunge replica Toninelli, dettagli lettere)

di Stefano Bernabei

ROMA, 6 settembre (Reuters) - Aiscat, associazione delle concessionarie autostradali, nega di aver fatto pressioni sul ministro delle Infrastrutture o sul ministero per impedire la pubblicazione delle convenzioni delle società, mentre il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ribadisce le accuse.

L’associazione dei gestori delle autostrade in una nota ha oggi replicato al ministro che, prima genericamente in Parlamento e poi ieri più in dettaglio nel corso di una trasmissione su La7, ha detto di aver dovuto superare pressioni per rendere pubblici questi accordi, citando Aiscat e Autostrade.

“Questa associazione non ha mai esercitato pressioni ne’ sul Ministro ne’ sul Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”, si legge nella nota dell’Aiscat.

Piuttosto, l’associazione dice di aver risposto a una richiesta di parere della direzione del ministero competente, illustrando la propria posizione, che ha allegato alla nota.

La posizione, dice Aiscat, è analoga a quella che si registra in altri paesi europei dove sono resi pubblici i contratti ma non i relativi allegati “nel rispetto delle norme in materia di riservatezza, segreto commerciale e industriale”.

Toninelli invece in un tweet replica che Aiscat è “smentita dai fatti”, pubblicando stralci sia della lettera di Aiscat (peraltro già resa nota integralmente dall’associazione) sia di una lettera di Autostrade per l’Italia, evidenziando le parti a suo dire, “prova delle ‘cortesi’ pressioni per dissuadere @mitgov dal pubblicare gli atti delle convenzioni”.

Le due lettere sono datate rispettivamente 11 gennaio 2018 e 7 marzo 2018, cioè prima che Toninelli rilevasse Graziano Del Rio nel ruolo di titolare del dicastero.

Toninelli dice però che quelle evidenziate, “sono parole che ovviamente hanno influenzato le strutture anche sotto la mia gestione”.

In realtà Aiscat risponde a una richiesta di parere di Vincenzo Cinelli, a capo della direzione del ministero che vigila sulle concessionarie, durante la gestione Del Rio che poi a febbraio 2018, pubblicherà sul sito i contratti, ma senza gli allegati più sensibili, come quelli sulle percentuali remunerazione del capitale.

Quanto alla lettera di Autostrade, di cui Toninelli pubblica uno stralcio, ma che Reuters ha visionato integralmente, riguarda una corrispondenza in atto tra la società, il ministero e in copia anche l’autorità anti corruzione che aveva chiesto di rendere pubblici anche i piani finanziari (Pef), assieme ai contratti, per consentire “il controllo sull’effettivo perseguimento dell’interesse pubblico” e ritenendo non sufficiente la motivazione addotta per la mancata pubblicazione del Pef.

Il ministero aveva chiesto ad Aspi di spiegare le ragioni giuridiche “che rendono non ostensibile il Pef, nonché gli elementi comprovanti la tutela di un interesse superiore”.

Nell’articolare la risposta, firmata dal capo della direzione legale Amedeo Gagliardi, Autostrade spiega le ragioni che impongono la riservatezza. “I dati contenuti nel Pef hanno un’innegabile valenza economica e commerciale e, in ragione di tale valenza, non possono essere divulgati senza violare gli interessi economici e commerciali dei concessionari autostradali, espressamente tutelati dall’art 5-bis del d.lgs n. 33/2013”.

Autostrade spiega che diffondere tali dati, come poi è alla fine avvenuto a fine agosto per decisione della stessa società, “potrebbe determinare un pregiudizio concreto agli interessi economici delle concessionarie autostradali, per esempio in ordine alle condizioni di finanziamento accordate dalle banche finanziatrici...” e parla del rischio di ledere la riservatezza industriale delle società.

Un rischio tanto più alto, dice Aspi, “quando di tratti di dati prospettici che riguardano società concessionarie che fanno capo a società quotate in Borsa” perchè una lettura distorta potrebbe essere strumentalizzata, dice la società di Atlantia, paventando anche fattispecie di reato come l’aggiotaggio.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below