July 25, 2018 / 1:58 PM / 5 months ago

PUNTO 2-Fca rivede al ribasso target 2018, titolo affonda

(aggiunge dettagli)

MILANO, 25 luglio (Reuters) - Fiat Chrysler (Fca) rivede al ribasso gli obiettivi al 2018, ad eccezione di quello sull’utile netto, e vede un calo dei margini nel trimestre, spingendo le azioni in borsa al ribasso, mentre conferma gli altri target del piano al 2022.

Gli obiettivi 2018 sono così rivisti: ricavi netti a 115-118 miliardi da circa 125 miliardi, Ebit adjusted a 7,5-8 miliardi da maggiore o uguale a 8,7 miliardi, la liquidità netta industriale a 3 miliardi da 4 miliardi; utile netto è confermato a 0,5 miliardi.

Reazione molto negativa del mercato: in chiusura il titolo Fca perde oltre il 15%, con volumi doppi rispetto alla media giornaliera, trascinando Exor che perde oltre il 3%.

I trader, dopo la revisione degli obiettivi al 2018, temono mosse simili sugli anni successivi.

Il secondo trimestre vede ricavi netti gruppo a 29 mld in rialzo 4% (+11% a parità di cambi), ebit adjusted a 1,655 mld in calo dell’11% (-3% a parità di cambi) con un margine in calo di 100 punti base al 5,7%.

A fine giugno il gruppo ha una liquidità netta di 0,5 miliardi, dopo un lungo periodo di indebitamento.

Registra un trimestre record dei margini dell’area Nafta, in lieve rialzo all’8%; l’America Latina segna un miglioramento di 180 punti al 4,8%.

L’Asia Pacifico chiude i tre mesi con una perdita a livello di Ebit adjusted a 98 milioni da un utile di 44 del secondo trimestre 2017, con consegne in calo, anche per le “maggiori pressioni competitive da parte dei brand locali in Cina”.

Maserati, che chiude con solo 2 milioni di Ebit da 152 milioni, sconta il “calo delle consegne imputabile principalmente all’impatto della riduzione dei dazi sulle importazioni in Cina a decorrere dal primo luglio, che ha ritardato le decisioni di acquisto”.

Nell’area Emea l’Ebit adjusted cala a 188 da 200 milioni.

FCA, MANDATO PER PIANO STAND-ALONE, MA APERTA AD ACCORDI

La conference call é iniziata con un minuto di silenzio in memoria di Sergio Marchionne, mancato oggi.

Il neo Ceo Mike Manley ha spiegato che il suo mandato è di portare a termine il piano quinquennale “come un gruppo forte e indipendente e questo è anche l’obiettivo della squadra”.

Ha però sottolineato la necessità di essere flessibili e, “se questa flessibilità include la possibilità di fare accordi o ci dà questa opportunità, lo faremo”.

Rispondendo a una domanda successiva ha ridotto il campo di azione, affermando che il gruppo “può realizzare il piano, come organizzazione forte e indipendente. Ma questo non significa che non si possa cooperare sulla componentistica o su altro”.

Quanto al nuovo responsabile dell’area Emea, le cui competenze sono divise ad interim fra Manley e il Cfo Richard Palmer dopo le dimissioni di Alfredo Altavilla del 23 luglio, “verrà annunciato presto”.

L’uscita di Altavilla è stata imprevista, hanno aggiunto i vertici, ma non ha impatto sulla strategia del gruppo.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below