Berlusconi: se mi arrestano sarà rivoluzione, voto il 24 maggio

giovedì 12 dicembre 2013 10:03
 

PARIGI (Reuters) - L'ex premier Silvio Berlusconi ha detto oggi che, nel caso di un suo arresto, scoppierà una rivoluzione in Italia e ha auspicato che si vada al voto a maggio, in contemporanea con le Europee.

Parlando ad un emittente radiofonica francese, il leader di Forza Italia - decaduto dal parlamento a seguito di una condanna definitiva a quattro anni di carcere, di cui tre condonati, per frode fiscale - ha ribadito di non avere paura e di essere certo di avere la maggioranza del popolo dalla sua parte.

"Possono controllarmi il telefono, mi hanno tolto il passaporto e possono arrestarmi quando vogliono", ha detto l'ex presidente del Consiglio alla radio Europe 1. "Ma non ho paura, se lo fanno ci sarà una rivoluzione in Italia", ha aggiunto, sottolineando che nel Paese si è verificato un colpo di stato.

"Non ho paura che mi mandino in prigione. Ma sarà difficile che lo facciano, poiché avrei immediatamente con me la grande maggioranza del Paese alle prossime elezioni", ha specificato.

Berlusconi ha auspicato che in Italia si vada al voto per le Politiche il 24 maggio prossimo, quando sono in calendario le elezioni europee.

"Sono in campagna elettorale, stiamo cercando di convincere quei 24 milioni di italiani che non hanno ancora deciso di votare per la sinistra", ha detto il capo di FI. "Il governo non è più eletto dal popolo, il 24 maggio è il giorno in cui si voterà per l'Europa, chiediamo di avere la possibilità di avere lo stesso giorno elezioni per l'Italia".

Berlusconi ha detto di sperare che prima del voto i suoi processi siano sottoposti a revisione, precisando di avere "due possibilità: la revisione in Italia e il ricorso alla Corte di Lussemburgo".

Per quanto riguarda le elezioni ha aggiunto: "non sarò candidato, vediamo se potrò mettere il mio nome sul simbolo elettorale". Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
L'ex premier Silvio Berlusconi. REUTERS/Yara Nardi