Voto, Bersani esclude "governissimi", aperto a collaborazioni

giovedì 21 febbraio 2013 17:36
 

ROMA (Reuters) - Il candidato premier del centrosinistra Pier Luigi Bersani ha escluso oggi l'ipotesi di formare una "grande coalizione" all'indomani delle elezioni, affermando però di essere disponibile a varie forme di collaborazione e "convergenza".

"Non ci si venga a proporre governissimi", ha detto il segretario del Pd nel corso della trasmissione "28 minuti" su Radio2 Rai: "Escludo un governo di unità nazionale perché non è il bene dell'Italia".

"O vinciamo noi o vince Berlusconi e la Lega" Nord, ha detto ancora Bersani. "Se vinciamo noi col 51% a Camera e Senato è chiaro che siamo assolutamente disposti, aperti, a discutere forme di collaborazione e convergenza".

Il leader del centrosinistra ha escluso anche il ritorno in tempi brevi alle urne: "E' un'ipotesi puramente teorica perché non ci credo, ma non vedo possibile un governissimo, non porterebbe a niente".

Bersani ha definito anche una "gaffe" l'affermazione di ieri del premier uscente Mario Monti, secondo il quale il cancelliere tedesco Angela Merkel non vorrebbe che il Pd andasse al governo.

Ieri stesso il governo di Berlino ha smentito qualsiasi ingerenza nelle elezioni italiane.

"Mi è sembrata purtroppo più una gaffe di Monti che un'affermazione della Merkel. Sono stato in Germania e non ho visto nessun problema", ha detto Bersani.

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il leader del Pd Pierluigi Bersani durante un comizio elettorale. REUTERS/Alessandro Garofalo