Voto, presidente Europarlamento invita a non scegliere Berlusconi

giovedì 21 febbraio 2013 15:32
 

BERLINO (Reuters) - Il socialdemocratico tedesco Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo, che una volta Silvio Berlusconi paragonò al kapò nazista di un telefilm, ha invitato oggi gli italiani a non votare per l'ex premier di centrodestra.

Schulz è l'ultimo politico tedesco in ordine di tempo a esprimere timore per un possibile ritorno al potere di Berlusconi, che secondo alcuni bloccherebbe il cammino delle riforme in Italia facendo calare la fiducia degli investitori della zona euro.

"Silvio Berlusconi ha già spinto l'Italia al collasso con un comportamento irresponsabile al governo e con le sue scappatelle", ha detto Schulz secondo il quotidiano tedesco Bild.

Commentando le dichiarazioni del presidente dell'Europarlamento, il capodelegazione del Pdl - che a Strasburgo fa parte del gruppo dei Popolari europei - Giovanni La Via ha detto che "Schulz ci fa rimpiangere i suoi predecessori, mai si era vista un'intromissione politica così evidente dalla più alta carica istituzionale del Parlamento europeo".

"L'imparzialità che il presidente del Parlamento europeo dovrebbe tenere, non è più garantita. Quella di oggi è una grave intromissione che rischia di mettere a repentaglio la credibilità della carica che Schulz ricopre", ha aggiunto.

Berlusconi è stato condannato per frode fiscale ed è sotto processo per l'accusa di concussione e prostituzione minorile nella vicenda di Ruby.

In alcune dichiarazioni che non compaiono sul quotidiano, ma che erano state anticipate da Bild, Schulz ha invitato gli italiani a votare perché le riforme continuino.

"Con le prossime elezioni molto è in gioco, tra cui garantire che la fiducia costruita da (il premier uscente) Mario Monti non vada perduta. Sono molto fiducioso che gli elettori italiani faranno la scelta giusta per il loro Paese".

(Madeline Chambers)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il presidente del parlamento europeo Martin Schulz. REUTERS/Juan Carlos Ulate