Calcioscommesse, arrestato sloveno Sulic "centrale" per inchiesta

giovedì 21 febbraio 2013 10:36
 

MILANO (Reuters) - La polizia ha arrestato oggi all'aeroporto di Malpensa uno sloveno considerato un "elemento centrale" dell'inchiesta sullo scandalo del calcioscommesse.

Lo ha riferito la polizia in una nota confermando quanto detto in precedenza da due diverse fonti, una giudiziaria e una investigativa.

"Admir Sulic, arrivato oggi all'aeroporto di Malpensa da Singapore a bordo del volo delle 6 del mattino, è stato arrestato dalla polizia", ha spiegato una fonte.

Sulic - latitante dal dicembre 2011 - è accusato di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva aggravata dal nesso della transnazionalità e verrà trasferito nel carcere di Cremona.

L'uomo "ha trascorso un lungo periodo di latitanza a Singapore in stretto contatto con altri esponenti di vertice dell' organizzazione transazionale, tra i quali un noto cittadino singaporiano", si legge nella nota della polizia.

"Gli investigatori dello Sco (Servizio centrale operativo) e della Mobile di Cremona, hanno accertato che l'uomo aveva acquistato un biglietto aereo per un volo Singapore-Milano, con l'intenzione di costituirsi alle autorità italiane, confermata anche da comunicazioni pervenute dal proprio difensore di fiducia", si legge ancora.

Dalle indagini è emerso il diretto coinvolgimento di Sulic nel gruppo criminale transnazionale, composto da singaporiani e da soggetti dell'area balcanica, dedito, tra le altre cose, alla alterazione di competizioni calcistiche nei campionati professionistici italiani, nel corso della stagione sportiva 2009-2010 e 2010-2011.

(Emilio Parodi e Francesca Landini) - Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia