Grecia bloccata da nuovo sciopero anti-austerità

mercoledì 20 febbraio 2013 09:25
 

ATENE (Reuters) - Giornata di sciopero nazionale oggi in Grecia contro i tagli agli stipendi e l'aumento delle tasse, con il blocco dei trasporti, la chiusura delle scuole e gli ospedali aperti solo per le emergenze.

I due principali sindacati ellenici hanno bloccato gran parte del Paese con un'astensione dal lavoro di 24 ore contro la politica di austerità che, denunciano, ha solo aggravato le condizioni di vita di un popolo alle prese con la più grave crisi in tempo di pace.

Le due organizzazioni, che rappresentano circa 2 milioni e mezzo di lavoratori, hanno proclamato diversi scioperi dall'inizio della crisi del debito greco alla fine del 2009, testando la volontà del governo di imporre riforme ritenute necessarie nonostante la crescente rabbia dell'opinione pubblica.

Il governo di coalizione del primo ministro Antonis Samaras, al potere da otto mesi, ha diligentemente mostrato che varerà le riforme promesse all'Unione europea e al Fondo monetario internazionale, che hanno concesso ad Atene due pacchetti di aiuti finanziari per oltre 200 miliardi di euro.

Il governo ha anche assunto un atteggiamento severo verso gli scioperanti e, per due volte quest'anno, ha invocato le leggi d'emergenza precettando i lavoratori del trasporto marittimo e del trasporto pubblico locale dopo alcune proteste che hanno paralizzato Atene e fatto scarseggiare i prodotti alimentari sulle isole greche.

Ma due giorni fa l'esecutivo ha invece fatto sapere che non licenzierà 1.900 dipendenti pubblici, nonostante gli annunci e gli impegni presi con i creditori internazionali per la riduzione della spesa pubblica.

(Renee Maltezou e Lefteris Papadimas) Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Lavoratori del Pireo, il porto di Atene, in sciopero lo scorso 6 febbraio. REUTERS/Yannis Behrakis