Pistorius, per pm ha sparato a fidanzata attraverso porta bagno

martedì 19 febbraio 2013 11:31
 

PRETORIA (Reuters) - "Blade runner" Oscar Pistorius ha indossato gli arti artificiali e ha attraversato la camera da letto prima di esplodere quattro colpi di pistola contro la porta chiusa a chiave del bagno, uccidendo la sua fidanza a sangue freddo.

E' questa la tesi dei magistrati sudafricani che oggi in aula accusano di omicidio il paralimpico divenuto uno dei nomi più importanti dell'atletica leggera.

Reeva Steenkamp - laureata in legge e modella, i cui funerali si sono svolti oggi - è morta dopo essere stata colpita da tre proiettili, ha spiegato il procuratore Gerrie Nel.

La settimana scorsa, l'arresto del ventiseienne - che oggi ha pianto in maniera incontrollata durante la ricostruzione dei pm - ha scioccato milioni di persone in tutto il mondo.

La sua fidanzata è stata trovato morta nella loro casa di Pretoria nelle prime ore di giovedì scorso e le prime notizie suggerivano che Pistorius potesse averla scambiata per un ladro.

"Sappiamo tutti che si era chiusa in bagno e che è stata raggiunta dai proiettili", ha detto Nel nell'affollata aula del tribunale.

"Se mi armo, cammino e uccido una persona, tutto ciò è premeditato", ha aggiunto. "La porta era chiusa, non ci sono dubbi. Cammino sette metri e uccido. Il motivo è 'voglio uccidere'. E' così", ha detto ancora Nel.

Il difensore di Pistorius, che rischia l'ergastolo se riconosciuto colpevole, ha respinto le accuse di omicidio, sostenendo che i fatti non sono chiari.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Un giornalaio appende davanti al tribunale di Pretoria le locandine con la foto di Oscar Pistorius e della fidanzata Reeva Steenkamp, del cui omicidio il "Blade Runner" sudafricano è chiamato a rispondere. REUTERS/Siphiwe Sibeko