Voto, Monti: dopo elezioni sarò calamita per parlamentari delusi da poli

lunedì 18 febbraio 2013 12:52
 

ROMA (Reuters) - Dopo il voto, il partito di Mario Monti potrebbe attrarre tra le sue fila parlamentari eletti nei poli di destra e sinistra che non si riconoscessero più nelle rispettive politiche. Lo ha detto oggi lo stesso Monti in una trasmissione di La7.

"Non avrei niente in contrario di diventare anche dopo il voto una calamita per persone che non si riconoscessero più nei rispettivi poli, perché lì dove sono non riescono a fare un'azione riformatrice", ha detto Monti.

L'ex premier ha ribadito che nella prossima legislatura non intende avere rapporti, tantomeno fare accordi con l'attuale coalizione di centrosinistra che comprende Sel di Nichi Vendola.

Nell'ultima settimana prima del voto Monti ha lanciato un nuovo appello ai principali avversari elettorali, Silvio Berlusconi e Pierluigi Bersani, affinché accettino un dibattito televisivo a tre.

"Un conto è sentire le prediche di singoli candidati, un altro confrontarsi in ragionamenti davanti agli elettori", ha detto Monti, riservando la sua ironia per Berlusconi, che ha decisamente escluso tale ipotesi.

"Verso di me usa espressioni diminutive... dovrebbe essergli facile allora distruggermi in un dibattito, soprattutto tre mesi dopo avermi offerto la guida dei moderati al posto suo".

(Roberto Landucci) Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il premier uscente Mario Monti. REUTERS/ Remo Casilli