Voto, Agcom: par condicio non applicabile a satira Crozza a San Remo

venerdì 15 febbraio 2013 18:29
 

ROMA (Reuters) - L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha deciso che le regole della par condicio non si possono applicare alla satira, anche se politica, e ha quindi deciso di non prendere provvedimenti per il monologo del comico Maurizio Crozza al Festival di San Remo.

Lo riferisce l'Agcom aggiungendo che la decisione è stata presa a maggioranza, con l'opposizione di due commissari.

In relazione alla partecipazione di Crozza alla serata inaugurale del Festival di Sanremo, "l'Autorità ha discusso l'applicabilità del Regolamento elettorale della Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai, con particolare riguardo al divieto di trattare, in trasmissioni non ricondotte sotto la responsabilità di una specifica testata, temi di evidente rilevanza politica ed elettorale. Il Consiglio, a maggioranza, ha ritenuto che la norma citata non sia applicabile alla satira".

I commissari Antonio Martusciello e Antonio Preto hanno votato contro.

Oggi sono stati decisi anche richiami ad alcuni telegiornali imponendo un obbligo di riequilibrio dell'attenzione in favore dell'Udc per Tg3, Rainews e il Tg de La7 e a favore della Lega Nord per Rai (Tg3, Rainews), Telecom Italia Media (Tg La7), RTI (Tgcom 24)e Sky (Cielo).

L'Autorità ha anche anticipato che in virtù dell'incombere del voto, eventuali prossime violazioni alla Par Condicio, non potranno che essere sanzionate dal prossimo consiglio previsto per il 22 febbraio.

(Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano.

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia