Mps, Mussari risponde 3 ore in procura, fuori lo contestano

venerdì 15 febbraio 2013 18:56
 

SIENA (Reuters) - Giuseppe Mussari, ex presidente del Monte dei Paschi, è stato interrogato oggi per circa tre ore in procura a Siena dai magistrati che indagano sull'acquisto di Antonveneta da parte di Mps nel 2007 e su alcuni contratti passati che per l'accusa sono stati sottratti alla verifica della Banca d'Italia.

Il verbale dell'interrogatorio, di durata più breve di altri in questa inchiesta, "è stato secretato", secondo una fonte giudiziaria che ipotizza che in quelle tre ore i Pm - apparsi a differenza di Mussari non molto di buon umore uscendo per una pausa dalla procura - "abbiano ritenuto sufficiente quel tempo per fare una valutazione e quindi abbiano per questo 'licenziato' Mussari".

Uno dei suoi difensori, Tullio Padovani, ha una impressione positiva di questo interrogatorio: "Ho assistito a tantissimi interrogatori nella mia carriera e questo lo posiziono nella fascia alta di gradimento per un avvocato difensore", ha detto.

Anche il fatto che il confronto coi magistrati sia durato relativamente poco "è un elemento di gradimento", ha aggiunto Il legale.

In una breve nota diffusa in serata, Padovani e il suo collega Fabio Pisillo, hanno scritto che Mussari "ha risposto a tutte le domande dei Pm e non è stato fissato nessun altro interrogatorio".

Uscito Mussari, è stato risentito, non previsto, Valentino Fanti, segretario del presidente di Mussari - e tutt'ora del presidente Alessandro Profumo - "richiamato per riscontrare alcune dichiarazioni rese da Mussari", dice una fonte della Procura.

FUORI LANCIO DI MONETINE

Fuori dalla Procura, sia all'ingresso che all'uscita, Mussari è stato contestato.

Poco prima delle 12,00, quando l'ex presidente di Mps e dell'Abi è arrivato con i suoi avvocati, una decina di contestatori, tra cui due persone che si sono qualificate come appartenenti alla Lega, hanno gridato "ladro" e ha lanciato delle monetine.   Continua...